X

Devils Tower, primo monumento nazionale degli Stati Uniti d’America

Nel nord-est dello stato del Wyoming, in una regione costellata di colline e prati disseminati di foreste, s’innalza una torre alta 386 metri visibile sino a 150 Km in giornate particolarmente terse.

Il suo nome, Devils Tower (Torre del Diavolo), deriva da una leggenda indiana che sostiene che il Dio del male durante le tempeste, era solito suonare un tamburo sulla sua sommità (1588 m s.l.m.), creando il tuono. Questa torre di basalto, situata sulle sponde del fiume Belle Fourche nel regno dei cani della prateria, presenta una sommità piatta circondata da lunghi solchi verticali, un tempo ritenuti solchi lasciati dagli orsi.

E’ in realtà un rilievo d’origine vulcanica, risultato di un’eruzione risalente al terziario e la cui erosione prodotta dagli agenti atmosferici ne favorisce la gelifrazione della roccia. Tale formazione geologica appare così particolare e impressionante che il presidente degli Stati Uniti Roosvelt nel 1906, ne fece il primo monumento nazionale. Ogni anno, Devils Tower richiama numerosi alpinisti che giungono da tutto il mondo. La torre leggendaria, sorta dalle profondità della Terra, è stata resa nota al grande pubblico grazie alla pellicola “Incontri ravvicinati del terzo tipo” del 1977, diretto da Steven Spielberg.

Riferimenti bibliografici e fotografici: dictionnaire illustré des Merveilles Naturelles du monde, pixabay.com

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.