Published On: mer, Giu 3rd, 2020

Rischi e benefici dell’aspirina a basso dosaggio

L’aspirina a basso dosaggio riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, ma aumenta il rischio di sanguinamento, secondo una recensione pubblicata sul British Journal of Clinical Pharmacology.

I ricercatori hanno condotto la revisione perché l’equilibrio generale tra rischi e benefici dell’assunzione di aspirina non è del tutto chiaro. Il team ha raccolto informazioni dalle analisi di tutti gli studi pertinenti, randomizzati e controllati. L’uso di aspirina a basso dosaggio in persone senza malattie cardiovascolari è stato associato ad un’incidenza inferiore del 17% di eventi cardiovascolari (come attacchi di cuore non fatali, ictus non fatali o decessi cardiovascolari), ma è stato anche associato a un rischio maggiore del 47% di sanguinamento gastrointestinale e un rischio maggiore del 34% di sanguinamento intracranico.

Il rapporto tra rischi e benefici devono essere ponderati nelle analisi delle decisioni formali per guidare l’uso dell’aspirina nella prevenzione primaria“, ha affermato il co-autore Lee Smith, MSc, PhD, della Anglia Ruskin University, nel Regno Unito.

Gli autori hanno osservato che sebbene siano state valutate molte dozzine di effetti sulla salute oltre alle malattie cardiovascolari e al sanguinamento, l’evidenza rimane debole e quindi non dovrebbe condizionare il paziente nell’assunzione.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it