Published On: gio, Giu 25th, 2020

La nube di polvere dal Sahara incombe su Cuba, Caraibi e Florida

La massiccia nube di polvere sahariana ha oscurato gran parte di Cuba mercoledì e ha iniziato a influire sulla qualità dell’aria in Florida, invogliando le persone con malattie respiratorie a rimanere in casa.
La nube ha attraversato l’Atlantico durante la scorsa settimana, coprendo l’isola caraibica di Puerto Rico e colpendo ieri il sud della Florida.
Si prevede che le condizioni sulla capitale cubana dell’Avana peggiorino dalla giornata di oggi, secondo quanto riferito dagli esperti dell’isola.

Francisco Duran, capo di Epidemiologia presso il Ministero della Salute, ha dichiarato che la nuvola probabilmente “aumenterà i casi di difficoltà respiratorie e allergiche“. La qualità dell’aria a Miami è attualmente “moderata”, ha detto il dipartimento sanitario della città, informando le persone con problemi respiratori di rimanere a casa. E, secondo le previsioni delle isole Guadalupa e Martinica, l’area sta subendo la peggiore visibilità del decennio.

Alimentata da forti venti, la polvere del Sahara viaggia attraverso l’Oceano Atlantico dall’Africa occidentale durante l’estate boreale. Ma la densità dell’attuale nube di polvere su Cuba “è ben al di sopra dei livelli normali“, ha detto il meteorologo cubano Jose Rubiera.

Le immagini satellitari mostrano un’enorme nuvola di polvere e sabbia spinta dal vento, dal Nord Africa al Messico, dove si prevede la massima concentrazione nelle prossime ore. Secondo l’Istituto di meteorologia, le temperature nella provincia orientale di Guantanamo a Cuba hanno raggiunto un record per il periodo con 37,4°C.

All’Avana, lo scienziato Eugenio Mojena ha affermato che il fenomeno “provoca un sensibile deterioramento della qualità dell’aria“. Mojena ha affermato inoltre che le nuvole di polvere sono cariche di materiale “altamente dannoso per la salute umana“. Egli ha elencato “minerali come ferro, calcio, fosforo, silicio e mercurio” nella polvere e ha spiegato che le nuvole trasportano anche “virus, batteri, funghi, acari patogeni, stafilococchi e inquinanti organici”, ma ha escluso qualsiasi legame con la pandemia di coronavirus.

Il governo ha dichiarato che l’epidemia è sotto controllo e la scorsa settimana ha iniziato ad allentare le misure di quarantena, con l’Avana l’unica area in cui permangono restrizioni perché continua a registrare le infezioni. L’isola ha riportato un singolo nuovo caso mercoledì, portando il numero totale di infezioni a 2.319, con 85 morti per COVID-19.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it