X

Scheletro di mammut ben conservato in un lago siberiano

Artem Cheremisov / Governatore dell'ufficio stampa della regione Yamalo-Nenets in Russia via AP

Un team di scienziati russi sta lavorando al recupero di uno scheletro ben conservato di un mammut lanoso (Mammuthus primigenius Blumenbach, 1799) in un lago nella Siberia settentrionale. Si tratta di una specie estinta di elefante che visse dai 200.000 a circa 5.000 anni fa, nel Pleistocene, in Europa, Asia e Nordamerica.

I resti dell’animale, estinto circa 10.000 anni fa (anche se alcuni esemplari avrebbero vissuto in Alaska e sull’isola di Wrangel più recentemente), sono stati ritrovati da pastori di renne locali nella regione di Yamalo-Nenets. Essi hanno riconosciuto parte del cranio, la mascella inferiore, diverse costole e un frammento del piede con i tendini ancora intatti.

L’evento, abbastanza raro per la porzione quasi integra ritrovata, è stato ripreso dai media russi e trasmesso su molte emittenti televisive, dove sono in corso approfondimenti legati alla vita di questi antichi abitanti della Terra.

La Siberia sta sperimentando valori termici sopramedia da mesi, e l’agenzia meteorologica delle Nazioni Unite ha informato che le temperature medie al momento del ritrovamento, viaggiavano sino a 10 gradi sopra la media del periodo.

Categorie: Archeologia Home
Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.