Published On: dom, Ago 9th, 2020

Taranto, raccolgono rifiuti nel tempo libero: la storia di Shana e di suo nipote Claudio

Ha 29 anni, e ha a cuore il tema dell’inquinamento ambientale che affligge il pianeta. Accade così che nelle domeniche d’agosto, mentre le sue coetanee trascorrono le proprie giornate in riva al mare, Shana Lamanna impiega il suo tempo libero armandosi di guanti, sacchi e tanta buona volontà, raccogliendo rifiuti nel quartiere Paolo VI di Taranto, dove risiede. Un impegno che ha coinvolto anche il piccolo Claudio, suo nipote di 14 anni, che l’ha accompagnata con entusiasmo nell’iniziativa. Perché l’amore per l’ambiente non ha età.

Ho voluto far trascorrere a mio nipote una domenica diversa dal solito. Gli ho voluto far condividere con me la voglia di salvaguardare il nostro pianeta, andando a raccogliere rifiuti nei dintorni di casa nostra. Per me è stata davvero una bella soddisfazione poterlo fare insieme a lui, perché penso che sin da piccoli bisogna nutrire questo rispetto per le cose che ci appartengono“, si legge nel suo post, rigorosamente privato, pubblicato su Facebook.

Un’iniziativa spontanea, senza il supporto di alcuna organizzazione, associazione o istituzione, che testimonia la genuinità del gesto. Ora, la speranza è quella di sensibilizzare l’intero quartiere e coinvolgere altri volontari nell’iniziativa. La Terra è la nostra casa, e ognuno di noi, attraverso piccoli gesti, può contribuire a renderla migliore.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it