Published On: lun, Ago 17th, 2020

Le ondate di calore: un pericolo per la salute e per la produttività

Nonostante una piccolissima percentuale di scienziati (circa il 3%) creda che l’uomo non sia responsabile dell’attuale surriscaldamento climatico, è fuori dubbio che il pianeta si scalda. Le previsioni dei modelli stocastici prevedono ondate di calore sempre più frequenti, con intensità più acuta e per periodi più lunghi rispetto al passato. Il 2019 è stato l’anno più caldo mai registrato in Europa e negli ultimi 5 anni, le temperature medie del continente sono state in media 2°C più calde rispetto ai dati preindustriali.

CALORE ECCESSIVO – La diminuzione della produttività dei lavoratori e il danno economico sono impatti importanti dell’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici. Ma per avere un quadro completo delle conseguenze, è necessario capire cosa fa il calore eccessivo al corpo umano.

Può danneggiare organi come il cuore e i polmoni, esacerbare una serie di malattie e aumentare il rischio di morte. Il calore estremo può aumentare il verificarsi di attacchi cardiaci e ictus in pazienti suscettibili a causa dell’aumentata viscosità del sangue; e aumentare il rischio di morte cardiovascolare nei pazienti vulnerabili. Le giornate calde e umide possono anche innescare sintomi di asma.

Un altro effetto collaterale dell’aumento delle temperature è l’associazione con l’inquinamento atmosferico, il più grande killer ambientale in Europa, che causa circa 500.000 morti premature all’anno.

I dati osservativi e i modelli suggeriscono che con il surriscaldamento della Terra, aumentano i livelli di inquinamento atmosferico, in particolare il gas ozono superficiale (O3) e il particolato fine (PM2,5), specie in alcune regioni popolate. E creano condizioni favorevoli agli incendi boschivi.

Sia il caldo estremo che l’inquinamento atmosferico aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e respiratorie, che attualmente costano all’Unione europea circa 600 miliardi di euro all’anno. Se questi fattori di stress ambientali continueranno ad accumularsi senza sosta, questi costi potrebbero aumentare.

L’aumento delle temperature influisce negativamente sulla produttività dei lavoratori e sulla salute umana, ma affinché i responsabili politici intraprendano azioni sostanziali per l’adattamento al calore e soddisfino quello che i ricercatori vedono come un accordo , è fondamentale guardare il lato economico.

In realtà è abbastanza facile per noi sottolineare il problema: abbiamo temperature in aumento, maggiore frequenza di ondate di calore, che influiscono sulle nostre prestazioni fisiche e cognitive“, ha affermato Lars Nybo, professore di fisiologia integrativa dell’Università di Copenhagen, in Danimarca. Lavorando a un progetto chiamato HEAT-SHIELD, che esamina gli effetti dell’esposizione al calore sulla produttività dei lavoratori nei settori industriali, egli ha notato come l’esposizione al calore esterno in combinazione con l’attività fisica, che eleva la produzione di calore del corpo, può provocare cambiamenti fisiologici che possono diminuire le prestazioni occupazionali, riducendo la resistenza lavorativa, la vista, la coordinazione motoria e la concentrazione.
Questo può portare a più errori e lesioni.

Circa il 70% di tutti i lavoratori europei, a un certo punto della giornata lavorativa, non è idratato in modo ottimale“, ha detto il prof. Nybo. La soluzione al problema, aggiunge, è intuitiva: bere acqua, sostituire gli elettroliti e ridurre l’attività fisica, ma l’attuazione di queste misure, se si vuole mantenere la produttività, non è così semplice.

Potresti semplicemente dire al lavoratore di stare a casa e bere margarita freddi all’ombra per evitare lo stress da caldo“, ha scherzato. “Ma questo non aiuterà la produttività”.

PRODUTTIVITA’ – In qualità di coordinatore di HEAT-SHIELD, il Prof.Nybo e il suo team hanno il compito non solo di valutare l’entità del problema, modellando il previsto aumento della temperatura in Europa nei prossimi anni e il suo impatto sulla produttività dei lavoratori, ma anche di ideare e implementare soluzioni come location e vocazioni specifiche per adeguarsi agli inevitabili aumenti di temperatura.

Un operaio edile indossa un casco di sicurezza, che altera la capacità del corpo di eliminare il calore, ma il lavoratore pensa che questo problema non possa essere risolto perché è intrinseco al loro lavoro“, osserva il Prof. Nybo.

Superare sfide come questa è uno degli obiettivi chiave del progetto: concepire modi per intrecciare strategie di mitigazione del calore insieme agli aspetti pratici del lavoro.

Ad esempio, i lavoratori esterni dovrebbero essere vigili delle condizioni meteorologiche e pianificare il lavoro all’inizio della giornata durante i periodi di caldo estremo, fare una breve pausa ogni ora e garantire facile accesso all’acqua. Rimedi simili per i lavoratori in ambienti chiusi potrebbero significare una combinazione di aria condizionata, lavoro all’ombra e miglioramento della ventilazione, tenendo presente l’impronta ecologica di tali misure.

Ma a livello macro, perché i responsabili delle politiche in materia di cambiamento climatico intraprendano azioni concrete qui e ora, i numeri sono fondamentali“, afferma il prof. Nybo.

In Europa, i lavoratori dei settori come l’agricoltura ed edilizia, ad esempio, perdono circa il 15% dell’orario di lavoro effettivo quando la temperatura supera i 30°C, il che equivale a quasi un giorno lavorativo a settimana, osserva, citando le analisi HEAT-SHIELD.

E’ inevitabile, pertanto, l’appello ai politici: i numeri mostrano che è necessario agire. Mitigando il problema il costo di stabilizzerà a un livello inferiore nel lungo periodo rispetto a non farlo proprio.

PROIEZIONI – Secondo la dott.ssa Kristin Aunan, ricercatrice senior presso il Centro norvegese per la ricerca internazionale sul clima, “c’è parecchia letteratura sull’impatto a breve termine, in termini di variazione giornaliera dell’impatto dello stress da calore sulla mortalità, ma quando si tratta di impatto a lungo termine, non ci sono molte informazioni“.

Nell’ambito di un progetto chiamato EXHAUSTION avviato lo scorso anno, i ricercatori, tra cui il coordinatore del progetto Dr. Aunan, si sono concentrati sulla quantificazione dei rischi di malattie cardiopolmonari a diverse temperature. Il progetto sta anche lavorando all’identificazione di interventi per minimizzare i rischi per la salute provocati da fattori di stress ambientali e demistificando il legame tra inquinamento atmosferico e aumenti di temperatura.

I ricercatori di EXHAUSTION, ad esempio, stanno mettendo a punto un modello macroeconomico che monitora l’aumento dei ricoveri e della mortalità in diversi gruppi di età. “Abbiamo anche un modello in cui si attribuisce un prezzo a ogni morte prematura o ricovero ospedaliero e si somma per stimare il costo economico“.

Una delle domande principali a cui i ricercatori sperano di rispondere è l’entità dell’impatto che limiterà i picchi di temperatura a 1,5°C, l’obiettivo dell’accordo di Parigi sul clima.

Non ho una risposta oggi, ma il motivo per cui stiamo portando avanti questo progetto è che pensiamo che ci siano ragioni per credere che essere in grado di rispettare un accordo di Parigi salverà moltissime vite e ridurrà la sofferenza umana“, ha detto il dott. Disse Aunan.

Quando si discute di politica climatica e si discute dei relativi costi, si sa che è molto costoso ridurre le emissioni di gas a effetto serra, ecc., ma è anche necessario considerare i vantaggi ed è ciò che stiamo facendo con questo progetto, sperando di poter contribuire all’altra faccia della medaglia.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it