X

Ecco come il ragno fionda scaglia la sua ragnatela per catturare mosche e zanzare

Credit: Lawrence E. Reeves

Incontrare una ragnatela nel bosco lungo il tuo cammino non è mai una sensazione piacevole, ma cosa succederebbe se ti fosse scagliata contro? E’ ciò che accade agli insetti delle foreste pluviali amazzoniche del Perù, dove un minuscolo ragno fionda (Theridiosomatidae Simon, 1881) di circa 1 mm di lunghezza, lancia la ragnatela – e se stesso – per catturare mosche e zanzare ignare.

I ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno prodotto quello che potrebbe essere il primo studio cinematico su come questo incredibile aracnide immagazzini energia sufficiente per produrre un’accelerazione pari a 100 volte quella di un ghepardo. Questa accelerazione produce velocità di 4 metri al secondo e sottopone il ragno a forze di circa 130 G, più di 10 volte quello che i piloti di caccia possono sopportare senza svenire.

Il ragno peruviano e i suoi cugini si distinguono tra gli aracnidi per la loro capacità di creare strumenti esterni, in questo caso, le loro ragnatele, e di usarli come molle per creare un movimento ultra-veloce. La loro capacità di trattenere una molla per ore, in attesa che una zanzara si avvicini, suggerisce ancora un altro strumento straordinario: un meccanismo di chiusura.

A differenza delle rane, dei grilli o delle cavallette, il ragno della fionda non fa affidamento sui suoi muscoli per saltare molto velocemente“, ha detto Saad Bhamla, assistente professore alla School of Chemical and Biomolecular Engineering della Georgia Tech, che studia organismi ultraveloci. “Quando ogni notte tesse una nuova ragnatela, il ragno crea una sorgente complessa e tridimensionale. Se si confronta questa molla di seta naturale con i nanotubi di carbonio o altri materiali di fabbricazione umana in termini di densità di potenza o densità di energia, si tratta di ordini di magnitudo più potente“.

I ragni fionda sono stati descritti in una pubblicazione del 1932 e, più recentemente, da Jonathan Coddington, ora ricercatore entomologo presso la Smithsonian Institution. Bhamla ha un interesse per gli organismi in rapido movimento ma piccoli, quindi lui e Symone Alexander, un ricercatore post-dottorato, hanno organizzato un viaggio per studiare la creatura catapultante utilizzando telecamere ultra-veloci per misurare e registrare il movimento.

Hanno viaggiato sei ore in barca da Puerto Maldonado al Tambopata Research Center. Non c’è elettricità nella zona, quindi le notti sono molto buie. “Abbiamo guardato in alto e abbiamo visto un minuscolo punto rosso“, ha ricordato Bhamla. “Eravamo così lontani dalla luce più vicina che il punto si è rivelato essere il pianeta Marte. Potevamo anche vedere la Via Lattea così chiaramente.

L’intensa oscurità solleva la questione di come il ragno senta la sua preda e determini dove mirare. Bhamla ritiene che debba utilizzare una tecnica di rilevamento acustico, una teoria supportata dal modo in cui i ricercatori hanno indotto il ragno a lanciare la sua tela: hanno semplicemente schioccato le dita.

Oltre a percepire nell’oscurità, i ricercatori si sono anche chiesti come il ragno inneschi il rilascio della rete. “Se un insetto entra nel raggio d’azione, il ragno rilascia un piccolo fascio di seta che ha creato strisciando lungo la linea di tensione“, ha detto Alexander. Se il lancio ha successo, il ragno avvolge rapidamente il suo pasto nella seta. Se invece dovesse mancare il bersaglio, tira semplicemente la linea di tensione per ripristinare la ragnatela per il successivo lancio.

Pensiamo che questo approccio dia probabilmente al ragno il vantaggio della velocità e della sorpresa, e forse anche l’effetto di stordire la preda“, ha osservato Symone Alexander. “I ragni sono minuscoli e stanno inseguendo insetti che volano veloci che sono più grandi di loro. Per prenderne uno, devi essere molto, molto più veloce di loro.

Un altro mistero è come il ragno trattenga pazientemente la ragnatela mentre aspetta che il cibo passi. Alexander e Bhamla hanno stimato che lo stiramento della rete richiede un’enorme quantità di energia per la generazione di un minuscolo ragno. Tenendolo per ore potrebbe sprecare molta energia.

Secondo i ricercatori, che avevano sperato di tornare in Perù quest’estate, ma i cui piani sono stati interrotti dal coronavirus, questo studio modifica l’approccio quando si incontra un ragno. Nel buio dell’oscurità dei boschi, accendendo una torcia, essi si sono ritrovati circondati da queste creature. Trovarne uno in casa concede l’opportunità di non sentirci “minacciati”.

“La natura fa molte cose meglio di quanto gli esseri umani possano fare, e le fa da molto più tempo”, ha detto. “Essere sul campo ti dà una prospettiva diversa, non solo su ciò che fa la natura, ma anche sul perché è necessario”. Lo studio, supportato dalla National Science Foundation e dalla National Geographic Society Foundation, è stato pubblicato sulla rivista Current Biology.

Bibliografia: Symone L.M. Alexander et al, Current Biology (2020).

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.