Published On: sab, Set 12th, 2020

Una svolta nel trattamento del cancro?

Share This
Tags

Una svolta nel trattamento del cancro è stata annunciata da Jan CM van Hest, professore dell’Università di Eindhoven. Il suo Institute for Complex Molecular Systems ha collaborato con diversi istituti di ricerca cinesi per testare una nanotecnologia che affronti gli svantaggi della terapia fotodinamica, un trattamento emergente del cancro.

La terapia fotodinamica (PDT) è un trattamento per il cancro non tossico e non chirurgico che è in aumento in diversi paesi, in particolare negli Stati Uniti e in Cina. A un paziente viene iniettato un composto chiamato fotosensibilizzatore, che reagisce alla luce. Una volta che il fotosensibilizzatore è vicino alle cellule tumorali, viene attivato da un laser e la reazione crea ossigeno singoletto, che distrugge le cellule vicine. La PDT attiva anche indirettamente il sistema immunitario, che poi attacca anche il cancro.

I TUMORI VICINI ALLA PELLE – La terapia ha il potenziale per il trattamento del cancro al seno, alla prostata , ai linfomi e ad altri tumori abbastanza vicini alla pelle da essere raggiunti dal laser. Non ha gli effetti collaterali della chemio o i rischi di un intervento chirurgico. Per funzionare bene, tuttavia, devono essere risolti tre problemi: innanzitutto, il fotosensibilizzatore deve essere diretto ad accumularsi attorno al tumore. In secondo luogo, la reazione ha bisogno di molecole di ossigeno per creare ossigeno singoletto e i tumori creano ambienti a basso contenuto di ossigeno. Terzo, i tumori hanno una sostanza difensiva che scompone l’ossigeno singoletto.

UNA NANOPARTICELLA – Il team di ingegneri biomedici del professor van Hest ha progettato una singola nanoparticella che potrebbe risolvere tutti e tre i problemi. È rivestito con polimeri che vengono attivati ​​dall’ambiente acido del tumore. I polimeri sono tenuti insieme dal fotosensibilizzatore, fungendo sia da contenitore che da carico chiave. Una catalasi trasportata dalla particella scompone il perossido di idrogeno dal tumore per produrre un’abbondanza di ossigeno. Nel frattempo, un altro composto nella particella scompone la sostanza difensiva e, come piacevole effetto collaterale, rilascia manganese che facilita l’imaging MRI.

È una soluzione elegante in cui ogni pezzo lavora insieme per disabilitare i meccanismi di difesa del tumore“, afferma il professor van Hest. I componenti vengono distrutti nella reazione prevista o facilmente lavati dal sistema. Soprattutto, le particelle sarebbero relativamente facili da produrre in serie. Prima che ciò potesse accadere, tuttavia, il team aveva bisogno di testare la loro teoria.

RISULTATI POSITIVI – Il team spera che i risultati positivi delle loro sperimentazioni porteranno a ulteriori test di questo trattamento rivoluzionario. Prima di essere sottoposto a sperimentazione umana, dovrà essere testato in sistemi più complessi per la sicurezza e l’efficacia. Nel frattempo, il team sta esaminando una funzione motoria guidata dalla luce che porterebbe la nanoparticella più in profondità nei tumori, dove può essere più efficace. È una possibilità entusiasmante, poiché la nanomedicina e i nanomotori sono troppo spesso isolati come discipline separate. Con la pubblicazione del loro articolo su ACS Nano, il team attende con impazienza ulteriori scoperte nell’uso della PDT e della nanotecnologia per trattare i tumori in modo efficace e sicuro.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it