X

Crisi climatica globale: la conversione ai veicoli elettrici aiuta, ma non basta

Credit: Giuseppe Cutano - geomagazine.it

Attualmente ci sono più di 7 milioni di veicoli elettrici (EV) in tutto il mondo, rispetto ai soli 20.000 di un decennio fa. È un cambiamento enorme, ma secondo un gruppo di ricercatori di ingegneria dell’Università di Toronto, non sarà abbastanza per affrontare la crisi climatica globale.

Molte persone pensano che un passaggio su larga scala ai veicoli elettrici risolverà principalmente i nostri problemi climatici“, afferma Alexandre Milovanoff, autore principale di un nuovo articolo pubblicato su Nature Climate Change.

Penso che un modo migliore di pensare sia che i veicoli elettrici sono necessari, ma da soli non sono sufficienti“.

In tutto il mondo molti governi si stanno già indirizzando sui veicoli elettrici. In Norvegia, ad esempio, dove rappresentano già la metà delle vendite di nuovi veicoli, il governo ha dichiarato di voler eliminare del tutto le vendite di veicoli a combustione interna entro il 2025. I Paesi Bassi mirano a seguirne l’esempio entro il 2030, seguiti da Francia e Canada entro il 2040.

Milovanoff e i suoi supervisori, i professori Daniel Posen e Heather MacLean, sono esperti nella valutazione del ciclo di vita che modella gli impatti dei cambiamenti tecnologici su una serie di fattori ambientali.

Hanno deciso di eseguire un’analisi dettagliata di cosa significherebbe un passaggio su larga scala ai veicoli elettrici in termini di emissioni e relativi impatti. Come mercato di prova, hanno scelto gli Stati Uniti, che sono secondi solo alla Cina in termini di vendite di veicoli.

Abbiamo scelto gli Stati Uniti perché hanno veicoli di grandi dimensioni e pesanti, nonché un elevato numero di veicoli pro capite e un alto tasso di viaggio pro capite”, afferma Milovanoff. “Sono disponibili anche molti dati di alta qualità, quindi abbiamo ritenuto che ci avrebbero fornito le risposte più chiare“.

Il team ha costruito modelli informatici per stimare quanti veicoli elettrici sarebbero necessari per mantenere l’aumento delle temperature medie globali a meno di 2°C rispetto ai livelli preindustriali entro il 2100, un obiettivo spesso citato dai ricercatori sul clima.

Abbiamo escogitato un nuovo metodo per convertire questo obiettivo in un budget di carbonio per i veicoli passeggeri statunitensi, e poi abbiamo determinato quanti veicoli elettrici sarebbero stati necessari per rimanere all’interno di quel budget“, dice Posen.

Sulla base degli scenari modellati dal team, gli Stati Uniti dovrebbero disporre di circa 350 milioni di veicoli elettrici su strada entro il 2050 per raggiungere le riduzioni delle emissioni target. Ciò equivale a circa il 90% del totale dei veicoli che si stima siano in funzione in quel momento.

Per metterlo in prospettiva, in questo momento la percentuale totale di veicoli elettrici su strada negli Stati Uniti è di circa lo 0,3%“, afferma Milovanoff.

È vero che le vendite stanno crescendo rapidamente, ma anche le proiezioni più ottimistiche suggeriscono che entro il 2050, la flotta statunitense sarà solo del 50% circa di veicoli elettrici“.

Il team afferma che oltre alle barriere delle preferenze dei consumatori per la distribuzione di veicoli elettrici, ci sono barriere tecnologiche come la tensione che questi veicoli imporrebbero all’infrastruttura elettrica del paese.

Secondo il documento, una flotta di 350 milioni di veicoli elettrici aumenterebbe la domanda annua di elettricità di 1.730 TWh, o circa il 41% dei livelli attuali. Ciò richiederebbe massicci investimenti in infrastrutture e nuove centrali elettriche, alcune delle quali quasi certamente funzionerebbero con combustibili fossili.

Lo spostamento potrebbe anche avere un impatto sulla cosiddetta curva di domanda, ovvero il modo in cui la domanda di elettricità aumenta e diminuisce in diversi momenti della giornata, il che renderebbe più complessa la gestione della rete elettrica nazionale. Infine, ci sono sfide tecniche da affrontare con la fornitura di materiali critici, come litio, cobalto e manganese per le batterie.

Il team conclude che arrivare al 90% di proprietà dei veicoli elettrici entro il 2050 è uno scenario irrealistico. Invece, ciò che raccomandano è un mix di politiche, comprese quelle di favorire altri modi di trasporto.

Quindi massicci investimenti nel trasporto pubblico – metropolitane, treni pendolari, autobus – così come la riprogettazione delle città per consentire più viaggi da fare tramite modalità attive, come le biciclette o semplicemente a piedi. Potrebbero anche essere incluse strategie come il telelavoro, un cambiamento già messo in luce dalla pandemia COVID-19.

I veicoli elettrici riducono davvero le emissioni, ma non ci evitano di dover fare le cose che già sappiamo di dover fare“, afferma MacLean. “Dobbiamo ripensare ai nostri comportamenti, al design delle nostre città e persino agli aspetti della nostra cultura. Tutti devono assumersi la responsabilità“.

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.