X

Il fracking e le faglie superficiali: nuovi indizi da un ‘insolito’ terremoto

Un terremoto insolitamente superficiale innescato dalla fratturazione idraulica in un giacimento di gas di scisto cinese potrebbe cambiare il modo in cui gli esperti vedono i rischi del fracking per le faglie che si trovano molto vicino alla superficie terrestre.

Nella rivista Seismological Research Letters, Hongfeng Yang della Chinese University of Hong Kong e colleghi, suggeriscono che l’insolito terremoto di magnitudo 4.9 che ha colpito la contea di Rongxian, Sichuan, Cina il 25 febbraio 2019, si è verificato lungo una faglia profonda circa un chilometro.

Il terremoto, insieme a due scosse di magnitudo superiore a 4, sembra essere correlato all’attività nei vicini pozzi di fratturazione idraulica. Sebbene i terremoti indotti dall’attività umana come il fracking siano in genere più superficiali dei terremoti naturali, è raro che un terremoto di queste dimensioni si verifichi a una profondità così ridotta.

I risultati qui hanno certamente cambiato la nostra visione in quanto una faglia poco profonda può effettivamente scivolare sismicamente“, ha detto Yang. “Pertanto, dovremmo riconsiderare le nostre strategie di valutazione del rischio sismico per faglie superficiali“.

Due persone sono morte e dodici sono rimaste ferite nel terremoto del 25 febbraio e la perdita economica dovuta all’evento è stata stimata in 14 milioni di RMB, ovvero circa 2 milioni di dollari. Ci sono stati pochi terremoti storici nella regione e prima del 2019 non si erano verificati eventi tellurici superiori alla magnitudo 3 sulla faglia in cui si è verificato il terremoto principale.

Dal 2018, ci sono stati almeno 48 pozzi di fracking orizzontale perforati da 13 pozzetti nella regione, con tre pozzi a meno di due chilometri dalla faglia di Molin, dove si è verificato il terremoto principale.

Yang e i suoi colleghi hanno individuato i terremoti e sono stati in grado di calcolare la lunghezza della rottura principale utilizzando i dati della rete sismica locale e regionale, nonché i dati dei satelliti InSAR.

È insolito vedere dati satellitari chiari per un piccolo terremoto come questo“, ha detto Yang. “I dati InSAR sono fondamentali per determinare la profondità e la posizione precisa della scossa principale, perché la deformazione del suolo è stata chiaramente catturata dalle immagini satellitari“, ha osservato. “Date le dimensioni relativamente piccole della scossa principale, essa non sarebbe in grado di causare deformazioni al di sopra del livello di rumore dei dati satellitari se fosse più profondo di circa due chilometri“, spiega.

Le due scosse si sono verificate su una faglia precedentemente non mappata nell’area, sottolineando quanto possa essere difficile prevenire i sismi indotti dal fracking in un’area in cui la mappatura della faglia è incompleta.

I ricercatori notano che la faglia di Molin è separata dalla formazione geologica in cui è avvenuto il fracking da uno strato di scisto spesso circa 800 metri. Lo strato di separazione ha sigillato la faglia dai fluidi del fracking, quindi è improbabile che le pressioni del fluido iniettato nei pori della roccia attorno alla faglia abbiano causato lo scivolamento. Invece, Yang e colleghi suggeriscono che i cambiamenti nello stress elastico nella roccia potrebbero aver innescato il principale terremoto sulla faglia che si presumeva fosse stabile.

I risultati qui rappresentano certamente una preoccupazione significativa: non possiamo ignorare una faglia superficiale che è stata comunemente ritenuta asismica“, ha detto Yang, il quale ha poi aggiunto che più informazioni pubbliche potrebbero aiutare a calcolare le distanze di sicurezza per il posizionamento del pozzo in futuro.

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.