X

I cavalieri dell’Asia centrale praticavano sport con la palla già 3000 anni fa

Credit: ©StephanScherhag

Oggi, i giochi con la palla sono una delle attività ricreative più popolari al mondo e un’importante forma di intrattenimento di massa. Ma chi ha inventato le palle, dove e quando?

Le palline più antiche attualmente conosciute furono prodotte in Egitto circa 4.500 anni fa usando il lino. I centroamericani giocano a giochi con la palla da almeno 3.700 anni, come dimostrano i monumentali campi da gioco in pietra e le raffigurazioni di giocatori. Le loro palline più vecchie erano di gomma. Fino ad ora, si credeva che i giochi con la palla in Europa e in Asia fossero cominciati molto più tardi: in Grecia circa 2.500 anni fa e in Cina circa 300 anni dopo. Ma è davvero così?

I ricercatori dell’Università di Zurigo, insieme a ricercatori tedeschi e cinesi, hanno ora esaminato più in dettaglio tre sfere di cuoio trovate nelle tombe del vecchio cimitero di Yanghai vicino alla città di Turfan, nel nord-ovest della Cina. Le sfere, che misurano tra 7,4 e 9,2 cm di diametro, sono state datate tra i 2.900 e i 3.200 anni. “Ciò rende gli oggetti circa cinque secoli più antichi rispetto alle raffigurazioni precedentemente conosciute in Eurasia“, dice il primo autore Patrick Wertmann dell’Istituto di studi asiatici e orientali dell’Università di Zurigo. “Purtroppo, tuttavia, le informazioni archeologiche associate non sono sufficienti per rispondere alla domanda su come siano state realmente uilizzate“.

Le prime illustrazioni dalla Grecia mostrano giocatori di pallone che corrono e le raffigurazioni dalla Cina mostrano cavalieri che usano i bastoni. Anche a Yanghai sono stati trovati bastoncini ricurvi comparabili, ma non c’era alcun apparente collegamento diretto con le sfere. Inoltre, sono datati a un periodo più recente. “Pertanto, le palle di cuoio di Yanghai non sono collegate alle prime forme di hockey su prato o polo, anche se due delle palle sono state trovate nelle tombe dei cavalieri“, dice Wertmann.

In effetti, in una delle tombe dei cavalieri sono stati trovati i resti conservati di un arco composito e di un paio di pantaloni, che furono realizzati nella regione in quel momento e sono tra i più antichi del mondo. Entrambi sono segni di una nuova era di equitazione, guerra equestre e trasformazioni sociali fondamentali che hanno accompagnato i crescenti cambiamenti ambientali e una crescente mobilità nell’Asia centrale orientale. L’attuale studio mostra che la palla e i giochi con la palla facevano parte dell’esercizio fisico e dell’addestramento militare sin dall’inizio. Inoltre, proprio come oggi, anche lo sport giocava un ruolo centrale nella società ed era un’attività del tempo libero diffusa. I risultati dello studio evidenziano ancora una volta che questa regione era un centro di innovazione in Eurasia diversi millenni fa.

Bibliografia: Journal of Archaeological Science

Categorie: Archeologia Home
Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.