X

La pandemia di COVID-19 ha causato un calo delle emissioni senza precedenti

L'inquinamento dei giorni nostri

Come già da noi previsto in questo articolo, le restrizioni adottate per far fronte alla pandemia nella prima metà del 2020 hanno causato un calo senza precedenti delle emissioni di gas serra; maggiore rispetto alla crisi finanziaria del 2008 e persino alla seconda Guerra Mondiale.

Utilizzando un vasto database di dati tra cui la produzione oraria di elettricità, il traffico dei veicoli da oltre 400 città in tutto il mondo, i voli passeggeri giornalieri e i dati mensili sulla produzione e il consumo, i ricercatori del Dipartimento di Scienza del Sistema Terra dell’Università Tsinghua di Pechino, hanno stabilito che il calo delle emissioni dell’8,8% su base annua è stato il più grande nella storia moderna. Hanno suggerito alcuni passi fondamentali che potrebbero essere presi per “stabilizzare il clima globale” mentre i paesi cercano di riprendersi dallo shock economico della pandemia.

Tuttavia, non appena la maggior parte delle nazioni ha allentato le misure di blocco, le emissioni sono balzate nuovamente ai livelli abitali entro Luglio 2020.

Siamo stati in grado di ottenere una panoramica molto più rapida e accurata, comprese le scadenze che mostrano come le diminuzioni delle emissioni hanno corrisposto alle misure di blocco in ogni paese“, ha detto Zhu Liu, autore principale dello studio pubblicato su Nature Communications.

Il team ha scoperto che le emissioni di CO₂ dei trasporti sono diminuite del 40% nella prima metà del 2020 e la produzione di energia elettrica e le emissioni del settore sono diminuite rispettivamente del 22% e del 17%.

Con più persone che lavorano da casa, lo studio ha mostrato un calo forse sorprendente del 3% delle emissioni residenziali, qualcosa che i ricercatori hanno attribuito a un inverno insolitamente caldo che porta a un minore consumo di riscaldamento. Ad aprile, quando le restrizioni alla circolazione e ai luoghi di lavoro erano al culmine, le emissioni totali sono diminuite di un enorme 16,9% rispetto allo stesso mese del 2019.

Nel complesso, i vari focolai hanno provocato riduzioni delle emissioni che vediamo solo a breve termine durante le festività come il Natale o il Festival di primavera cinese“, ha detto Zhu.

Un piano internazionale per limitare il riscaldamento globale delineato nell’accordo sul clima di Parigi del 2015 mira a limitare gli aumenti di temperatura ben al di sotto dei due gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. L’accordo prevede un limite più sicuro di 1,5°C, qualcosa che secondo le Nazioni Unite richiederebbe una riduzione annuale delle emissioni del 7,7% in questo decennio.

Gli autori dello studio sanno bene che il calo avvenuto nel 2020 non può in alcun modo alleviare l’emergenza climatica a lungo termine.

Anche se il calo di biossido di carbonio è senza precedenti, la diminuzione delle attività umane non può essere la risposta“, ha detto il coautore Hans Joachim Schellnhuber, direttore fondatore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico.

Abbiamo bisogno di cambiamenti strutturali e di trasformazione nei nostri sistemi di produzione e consumo di energia“, ha concluso.

Potrebbe interessarti: La Pandemia di COVID-19 potrebbe causare il più grande calo di emissioni di CO₂ del secolo

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.