X

Ghiacciai svizzeri in costante declino: l’Aletsch ai minimi storici

Il ghiacciaio dell'Aletsch

Secondo uno studio annuale sullo stato dei ghiacciai pubblicato dalle Accademie svizzere delle Scienze, sebbene il 2020 non sia stato un anno di estremi, i ghiacciai delle Alpi svizzere sono ancora in costante declino, perdendo solo quest’anno il due percento del loro volume.

Ciò è in linea con la media degli ultimi 10 anni, ma i numeri sono ancora “molto preoccupanti”, ha detto all’AFP l’autore del rapporto Matthias Huss, responsabile del Glacier Monitoring Network (GLAMOS).

Sono leggermente inferiori rispetto agli ultimi tre anni, quando abbiamo avuto temperature estremamente elevate, ma i ghiacciai hanno comunque perso molta massa“, ha detto, aggiungendo che una perdita del due percento all’anno “è realmente un valore elevato“.

Negli ultimi 60 anni, i ghiacciai svizzeri hanno perso abbastanza acqua da riempire l’enorme Lago di Costanza, che si trova a cavallo del confine svizzero-tedesco-austriaco per 63 chilometri, afferma il rapporto.

La scoperta più preoccupante quest’anno è stata forse che l’accumulo di neve sul possente ghiacciaio dell’Aletsch, il più grande ghiacciaio delle Alpi, ha raggiunto il livello più basso mai registrato.

Il punto di misurazione, vicino alla vetta dello Jungfraujoch a 3.466 metri sul livello del mare, è così alto che mostra costantemente il ghiacciaio che guadagna massa.

UN BRUTTO SEGNO – Ma poiché le misurazioni sono iniziate più di un secolo fa, “quest’anno è stato il più piccolo accumulo di neve“, ha detto Huss. Fa freddo lassù, ma c’è pochissima neve. Questo è ovviamente un brutto segno per il ghiacciaio più grande delle Alpi“, aggiunge.

Il ghiacciaio, che copre 86 chilometri quadrati e si stima che contenga circa 11 miliardi di tonnellate di ghiaccio, ha già visto la sua lingua ritirarsi di circa un chilometro dall’inizio del secolo. L’Aletsch è uno degli oltre 4.000 ghiacciai – vaste e antiche riserve di ghiaccio – disseminati in tutte le Alpi, che forniscono acqua stagionale a milioni di persone e formano alcuni dei paesaggi più belli d’Europa.

In uno studio dell’anno scorso, l’Università tecnica ETH di Zurigo ha pubblicato uno studio che indica che circa il 95% di quei ghiacciai scomparirà entro il 2100 se le emissioni di gas serra non verranno controllate.

Anche se il mondo dovesse intensificare e attuare pienamente l’Accordo di Parigi del 2015, che prevede di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei due gradi Celsius, secondo tale previsione probabilmente andranno persi due terzi dei ghiacciai alpini.

Ma almeno avremmo ancora dei ghiacciai da ammirare“, ha concluso Huss.

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.