Published On: mar, Ott 20th, 2020

Una nuova serie di ghiandole nella nostra testa?

Un team di medici, grazie ad una tecnica di imaging chiamata PSMA PET/CT, avrebbe scoperto un insieme di ghiandole salivari nascoste all’interno della testa umana.

Esse sarebbero state identificate per caso nei Paesi Bassi mentre si esaminavano pazienti con cancro alla prostata, e sarebbero annidate nell’area posteriore della rinofaringe. Una visione non ancora confermata, alla quale è bene associare il condizionale.

Abbiamo tre serie di ghiandole salivari, ma non li“, spiega Wouter Vogel, oncologo del Netherlands Cancer Institute. “Per quanto ne sappiamo, le uniche ghiandole salivari o mucose nella rinofaringe sono microscopicamente piccole e fino a 1.000 sono distribuite uniformemente in tutta la mucosa. Quindi, immagina la nostra sorpresa quando le abbiamo trovate“, aggiunge.

Le ghiandole salivari sono essenziali per il funzionamento del nostro sistema digestivo, con la maggior parte del fluido prodotto dalle tre ghiandole salivari principali, note come parotide, sottomandibolare e sublinguale. Ci sono anche circa 1.000 ghiandole salivari minori, situate in tutta la cavità orale e nel tratto aerodigestivo, ma queste sono generalmente troppo piccole per essere viste senza un microscopio.

La nuova scoperta fatta dal team di Vogel è molto più ampia e mostra quella che sembra essere una coppia di ghiandole precedentemente trascurate – apparentemente la quarta serie di ghiandole salivari principali – situate dietro il naso e sopra il palato, vicino al centro della testa umana.

Le due nuove aree che si sono illuminate si sono rivelate avere anche altre caratteristiche delle ghiandole salivari“, dice il primo autore dello studio, il chirurgo Matthijs Valstar dell’Università di Amsterdam.

Le chiamiamo ghiandole tubariche, in riferimento alla loro posizione anatomica.”

Queste ghiandole tubariche sono state osservate nelle scansioni PET / TC PSMA di tutti i 100 pazienti esaminati nello studio, e dalle indagini fisiche di due cadaveri – un uomo e una donna – si è messa in evidenza la misteriosa struttura bilaterale, rivelando aperture del condotto drenante macroscopicamente visibili verso la parete rinofaringea.

A nostra conoscenza, questa struttura non si adattava alle descrizioni anatomiche precedenti“, spiegano i ricercatori nel loro articolo. “Si è ipotizzato che potesse contenere un gran numero di acini sieromucosi, con un ruolo fisiologico per la lubrificazione e la deglutizione rinofaringe/orofaringe“.

Per quanto riguarda il modo in cui le ghiandole non sono state precedentemente identificate, i ricercatori suggeriscono che le strutture si trovano in una posizione anatomica scarsamente accessibile sotto la base del cranio, rendendole difficili da distinguere endoscopicamente. Secondo i ricercatori, inoltre, esse sono parte di un sistema di ghiandole più grandi e solo le recenti ed avanzate tecniche sarebbero in grado di rilevarle; esse vanno oltre le capacità di una semplice ecografia o risonanza magnetica.

Mentre il team ammette che saranno necessarie ulteriori ricerche su una coorte più ampia e diversificata per convalidare i risultati, affermano che la scoperta ci offre un altro obiettivo da evitare durante i trattamenti con radiazioni per i pazienti con cancro, poiché le ghiandole salivari sono altamente suscettibili ai danni causati dalla terapia.

I dati preliminari – basati su un’analisi retrospettiva di 723 pazienti sottoposti a radioterapia – sembrano supportare la conclusione che la radiazione somministrata alla regione delle ghiandole tubariche si traduce in maggiori complicazioni per i pazienti: un risultato che non solo potrebbe giovare alla futura oncologia, ma sembra anche rafforzare l’idea che queste misteriose strutture trascurate siano realmente ghiandole salivari.

Sembra che stiano pensando a qualcosa“, ha detto al New York Times la patologa Valerie Fitzhugh della Rutgers University, che non era coinvolta nello studio .

Se è reale, potrebbe cambiare il modo in cui guardiamo alle malattie in questa regione“, spiega.

I risultati dettagliati sono stati riportati su Radiotherapy and Oncology.

 

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it