Published On: ven, Ott 23rd, 2020

I coccodrilli africani vivevano nel bacino del Mediterraneo 6 milioni di anni fa

Milioni di anni fa, diverse specie di coccodrilli di generi e caratteristiche differenti abitavano l’Europa e talvolta coesistevano. Ma tra tutte queste specie si è ritenuto improbabile che coccodrilli del genere Crocodylus, di origine africana, fossero mai vissuti nel bacino del Mediterraneo. I resti rinvenuti nel Gargano (Puglia), in Toscana e a Scontrone (Abruzzo) negli ultimi decenni, confermano che lo hanno fatto.

I nostri confronti indicano che questo materiale chiaramente non appartiene ai generi Diplocynodon -un genere estinto di Alligatoridae, simile ai caimani odierni- o al Tomistoma -simile ai gaviali-, gli unici altri due coccodrilli descritti finora per il tardo Miocene europeo“, come ha spiegato a Sinc Ángel Hernández Luján, paleontologo dell’Istituto Catalano di Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e coautore dell’opera.

Tuttavia, poiché i resti sono troppo frammentati, un’analisi delle ossa craniche, dei denti isolati e degli osteodermi (placca ossea sulla pelle) suggerisce che potrebbero appartenere alla specie C. checchiai, come assegnata al momento della loro scoperta, ma la loro la tassonomia non è ancora del tutto chiara e ostacola un’identificazione specifica più precisa. In ogni caso, “la morfologia dei resti del coccodrillo del Venta del Moro è congruente con il genere Crocodylus“, afferma il ricercatore.

I resti fossili di questo sito supportano “inequivocabilmente” la dispersione non occasionale di questo genere dall’Africa all’Europa durante il tardo Miocene, secondo i paleontologi. Il ritrovamento di due individui parziali, invece di uno solo, potrebbe indicare che in questa zona era presente un’intera popolazione.

Durante la loro “colonizzazione”, questi rettili si diffusero in modo più significativo nelle aree meridionali dell’Europa mediterranea, come suggerito dalle aree italiane e spagnole dove sono stati trovati i fossili. “Tutte le località europee con coccodrilli del tardo Miocene, compresa Venta del Moro, erano a quel tempo vicine alla costa settentrionale del Mediterraneo e quindi facilmente accessibili grazie agli esemplari che si sono dispersi nell’acqua di mare“, sottolineano gli autori nello studio.

Quel che è certo è che avrebbe abitato anche le coste di Murcia e dell’Andalusia, anche se non si può escludere che si sarebbe disperso anche lungo la costa della Catalogna e delle Isole Baleari“, ha sottolineato a SINC Hernández Luján. Ma come potevano esserci arrivati ​​dalle coste africane?

L’ipotesi dei ricercatori è che questi coccodrilli nuotassero da un continente all’altro nel mare prima che fosse stabilito un collegamento terrestre tra l’Africa e l’Europa. Questa idea sarebbe supportata dal comportamento dei moderni coccodrilli, che sono buoni nuotatori e possono raggiungere anche i 32 km/h in acqua.

Un esempio di ciò è l’attuale coccodrillo di acqua salata (Crocodylus porosus), che può compiere significative incursioni in mare aperto per colonizzare altre isole o altri continenti tra l’Oceania e il sud-est asiatico. “Basta guardare con quanta facilità si muove in mare aperto per essere visto nelle acque delle Isole Salomone o anche nella Polinesia francese“, dice il paleontologo.

Ma ci sono altri esempi che rafforzano questa ipotesi. A causa della sua somiglianza anatomica con i coccodrilli americani, la specie estinta Crocodylus checchiai, originaria della Libia e del Kenya, potrebbe benissimo essere il suo antenato. Ciò suggerisce che i coccodrilli siano stati in grado di attraversare l’Oceano Atlantico durante il Miocene, che spiegherebbe l’aspetto del genere in America.

Pertanto, nel caso degli esemplari rinvenuti a Venta del Moro, nuotare dal continente africano a quello europeo “non deve aver significato per loro un grande sforzo prima di raggiungere la penisola“, conclude il ricercatore.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it