Published On: gio, Mar 4th, 2021

Lenti a contatto con nanoparticelle d’oro contro il daltonismo

Quando si soffre di discromatopsia si ha difficoltà a compiere molteplici azioni quotidiane che gran parte delle persone considerano normali.

Meglio conosciuto come daltonismo, è un difetto alla vista che non riesce a percepire del tutto, o in parte, i colori. Specie quelli con tonalità di rosso e di verde.

Il mondo appare quindi in ombre tenui, con colori grigi. Specifici occhiali possono aiutare, ma sono ingombranti e non possono nulla sulla visione sfocata. Inoltre, le lenti a contatto attualmente in fase di sviluppo sono potenzialmente dannose e instabili.

Credit: American Chemical Society

Ora, in ACS Nano, i ricercatori riferiscono di aver infuso le lenti a contatto con nanoparticelle d’oro.

Si tratta di lenti speciali colorate, non tossiche, ottenute mescolando uniformemente nanoparticelle d’oro in un polimero idrogel, producendo gel colorati di rosa che filtrano la luce entro 520-580 nm, le lunghezze d’onda in cui il rosso e il verde si sovrappongono.
Le lenti a contatto più efficaci sono risultate quelle con nanoparticelle d’oro larghe 40 nm, con proprietà di ritenzione idrica simili a quelle commerciali.

Gli scienziati hanno poi confrontato il materiale con due paia di occhiali colorati disponibili in commercio, svelando una maggiore selettività nelle lunghezza d’onda.
Ora, il passo successivo è condurre studi clinici con pazienti umani per valutarne il comfort.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it