Published On: gio, Ago 26th, 2021

20 vette, 20 regioni: alla scoperta della montagna italiana con L. Perruchon

Abbiamo seguito con i nostri social l’impresa dell’alpinista valdostano, Laurent Perruchon, che poche settimane fa ha concluso il tour che lo ha visto toccare le venti vette più alte per ogni regione italiane. Un tour che ha dato valore alla montagna italiana tutta, nessuna esclusa, dalle Alpi agli Appennini. 

Laurent Perruchon con alle spalle il Gran Paradiso (Credit G.Cutano)

Venti regioni, venti vette e venti giorni, ma Laurent è riuscito a chiudere la sua piccola impresa in 16 giorni percorrendo tutto lo Stivale, dal Monte Bianco all’Etna che talaltro era in eruzione. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e farci raccontare il suo tour. 

Difficile condensare tutto in breve perché ogni vetta, indipendentemente dalla sua difficoltà, ha un suo perché. Lo stesso Laurent ci ha detto che non ha una vetta in particolare a cui tiene, ma che ognuna a modo suo ha regalato sensazioni diverse, anche lo stesso Monte Bianco, montagna di casa e più volte scalata dall’alpinista valdostano.

In questo periodo di pandemia la montagna regala quegli ampi spazi di cui tutti abbiamo bisogno. La montagna, tutta, in un Paese che si considera  spesso di solo mare, è invece uno scrigno nascosto che dobbiamo incominciare a conoscere di più, rispettandola. Se le Alpi sono molto conosciute, l’Appennino merita una maggiore visibilità e conoscenza anche da parte degli abitanti stessi e di uno sviluppo sostenibile affinché diventi meta di tutti coloro che amano la montagna.

Di seguito potete ascoltare l’intervista esclusiva per GeoMagazine.it:

Ascolta “3 Puntata – 20 vette per 20 regioni italiane. L’impresa di Laurent Perruchon” [PODCAST]

La pagina Facebook dell’impresa per vedere tutte le foto: Clicca qui

 

 

About the Author

- Ingegnere Ambientale, laureato presso il Politecnico di Torino, si è specializzato in difesa del suolo. Oggi si occupa di progettazione di impianti ad energia rinnovabile e di sviluppo sostenibile della montagna, con focus sulla mobilità elettrica. Volontario di Protezione Civile, ama la natura, ma anche i social media e la fotografia. Per compensare la formazione scientifica coltiva lo studio della storia e delle scienze politiche. * Contatti: giuseppe.cutano@geomagazine.it * * IG e Clubhouse: @latitude_45