X

Le principali correnti oceaniche si stanno espandendo verso i poli

Credit: Alfred-Wegener-Institut / Gerrit Lohmann

Le gravi siccità negli Stati Uniti e in Australia sono il primo segno che i tropici e le loro calde temperature si stanno apparentemente espandendo sulla scia del cambiamento climatico. Ma fino ad ora, gli scienziati non sono stati in grado di spiegare in modo definitivo le ragioni di ciò, perché si stavano concentrando principalmente sui processi atmosferici. Ora, gli esperti dell’AWI hanno risolto il puzzle: l’allarmante espansione dei tropici non è causata da processi nell’atmosfera, ma semplicemente dal riscaldamento dell’oceano subtropicale.

Incendi boschivi in Australia e California, siccità e carenza d’acqua nel Mediterraneo: negli ultimi anni eventi come questi sono diventati più frequenti. I ricercatori lo attribuiscono al fatto che i tropici, la regione calda che circonda l’equatore, sembrano essere in espansione. E questo fa sì che le aree colpite diventino più calde e secche.

Secondo la definizione ufficiale, i tropici si estendono attraverso l’equatore tra le latitudini 23 gradi nord e 23 gradi sud. La zona centrale è umida, con abbondanti precipitazioni, mentre le regioni marginali del nord e del sud sono calde e secche. Come risultato del cambiamento climatico, tuttavia, da tempo le regioni aride si stanno espandendo verso nord nell’emisfero settentrionale – fino alla California meridionale – e verso sud nell’emisfero meridionale.
Ma fino ad ora, i ricercatori hanno avuto un problema. Non sono stati in grado di spiegare in modo definitivo questa ovvia espansione utilizzando i loro modelli climatici. Questo perché non mostravano l’entità e le caratteristiche regionali dell’espansione osservata.

Ora, un team che lavora con i fisici Hu Yang e Gerrit Lohmann presso l’Istituto Alfred Wegener, Helmholtz Center for Polar and Marine Research di Bremerhaven (AWI) ha scoperto la probabile causa. Come riportano gli esperti dell’AWI nel Journal of Geophysical Research Atmospheres, la ragione dell’espansione sembra essere un alterato riscaldamento dell’oceano. Ad oggi, gli esperti presumevano che i processi nell’atmosfera giocassero un ruolo importante, ad esempio un cambiamento nella concentrazione di ozono o negli aerosol. Si riteneva anche possibile che le fluttuazioni climatiche naturali che si verificano ogni pochi decenni ne fossero responsabili. Ma per molti anni i ricercatori hanno cercato nel posto sbagliato…

Le nostre simulazioni mostrano che un aumento del riscaldamento sull’oceano subtropicale sia nell’emisfero settentrionale che in quello meridionale sono i driver principali“, afferma Hu Yang, autore principale dello studio. Questi modelli di riscaldamento subtropicale sono generati dalla dinamica dei vortici oceanici subtropicali, che misurano diverse centinaia di chilometri di diametro, che ruotano lentamente. Queste correnti sono particolarmente note nel Pacifico, perché la maggior parte dei rifiuti marini galleggianti è concentrata in esse. “Poiché le correnti nella regione riuniscono le masse d’acqua che riscaldano la superficie in modo particolarmente intenso, è più facile per la superficie oceanica subtropicale accumulare calore rispetto ad altre regioni, e lo stesso vale per la plastica“, afferma Lohmann. Come risultato di questo riscaldamento dell’oceano subtropicale, le regioni oceaniche calde tropicali si stanno espandendo. “I ricercatori precedenti avevano adottato un approccio eccessivamente complicato al problema e presumevano che fosse dovuto a cambiamenti complessi nell’atmosfera. In realtà, è dovuto a un meccanismo relativamente semplice che coinvolge le correnti oceaniche“.

Cosa ha portato gli esperti a esplorare questa strada? I dati sui vortici oceanici nei quali si sono imbattuti per caso cinque anni fa – i dati sulle temperature oceaniche e i dati satellitari, disponibili gratuitamente su database. Entrambe le fonti hanno indicato che i vortici stavano diventando più caldi e più potenti.

Gli esperti dell’AWI avevano quindi ragione. Proprio come nella realtà, il loro modello climatico mostra che i tropici ora si estendono più a nord e a sud allo stesso modo. Nell’emisfero australe, l’effetto è ancora più pronunciato, perché l’oceano occupa una superficie complessiva maggiore che nell’emisfero settentrionale.

Tuttavia, se la siccità in Australia, California e nel Mediterraneo dipenda dall’espansione dei tropici non è cosa certa. “Quando si parla di cambiamento climatico, è sempre difficile quantificare i rispettivi parametri con assoluta certezza“, affermano. “Tuttavia, possiamo tranquillamente presumere che le correnti oceaniche e l’espansione dei tropici rendano più probabile il verificarsi di siccità e uragani“.

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.