Published On: ven, Ott 23rd, 2020

Gli antichi Maya costruirono sofisticati filtri in grado di depurare l’acqua

E’ormai risaputo che i Maya fossero una popolazione evoluta, ma un’ulteriore conferma proviene da uno studio condotto dall’Università di Cincinnati, secondo cui gli abitanti della città di Tikal costruirono sofisticati filtri per l’acqua utilizzando materiali naturali importati da chilometri di distanza. Un ingegnoso sistema di filtri in quello che è attualmente il Guatemala settentrionale, capace di far dissetare i lavoratori dell’epoca.

Il team multidisciplinare li ha identificati su un tufo vulcanico esposto alle intemperie, formati da quarzo e zeolite, minerali ancora oggi utilizzati nella moderna filtrazione dell’acqua.

I filtri avrebbero rimosso microbi dannosi, composti ricchi di azoto, metalli pesanti come il mercurio e altre tossine dall’acqua“, ha spiegato Kenneth Barnett Tankersley, professore associato di antropologia e autore principale dello studio. “La cosa interessante è che questo sistema sarebbe ancora efficace oggi e i Maya lo scoprirono più di 2.000 anni fa“, ha detto Tankersley. Si tratta pertanto di uno dei più antichi sistemi di trattamento dell’acqua.

Per gli antichi Maya, trovare modi per raccogliere e immagazzinare acqua pulita era di fondamentale importanza, dal momento che Tikal e altre città furono costruite su calcare poroso che rendeva difficile l’accesso all’acqua potabile per gran parte dell’anno durante le siccità stagionali. “Probabilmente è stato attraverso un’osservazione empirica molto intelligente che gli antichi Maya videro questo particolare materiale associato all’acqua pulita e fecero qualche sforzo per portarlo“, ha detto Dunning.

Avevano vasche di decantazione dove l’acqua scorreva prima di entrare nel serbatoio. L’acqua probabilmente sembrava più pulita e probabilmente aveva anche un sapore migliore“, ha aggiunto.

In un documento correlato, pubblicato all’inizio di quest’anno su Scientific Reports, il team di ricerca della UC ha scoperto che alcuni serbatoi di Tikal furono inquinati da livelli tossici di mercurio, probabilmente da un pigmento chiamato cinabro che i Maya usavano sulle pareti in gesso e nelle sepolture cerimoniali. Quello del bacino di Corriental è rimasto però libero da questi contaminanti.

Naturalmente ricostruire le vite, le abitudini e le motivazioni di una civiltà di 1.000 anni fa è complicato. “Non abbiamo prove assolute, ma abbiamo forti prove circostanziali“, ha detto Dunning. “La nostra spiegazione ha un senso logico. Questo è quello che devi fare come archeologo, devi mettere insieme un puzzle con alcuni dei pezzi mancanti“, ha spiegato il coautore David Lentz.

Lentz sostiene che il sistema di filtraggio avrebbe protetto gli antichi Maya da cianobatteri dannosi e altre tossine che altrimenti avrebbero potuto far ammalare le persone che bevevano dal serbatoio.

Gli antichi Maya hanno capito che questo materiale produceva pozze di acqua limpida“, ha detto.

Sistemi complessi di filtrazione dell’acqua sono stati osservati in altre civiltà antiche, dalla Grecia all’Egitto all’Asia meridionale, ma questo è il primo osservato nel Nuovo Mondo, ha detto Tankersley.

Gli antichi Maya vivevano in un ambiente tropicale e dovevano essere degli innovatori. E questa lo era“, ha detto Tankersley. “Molte persone vedono i nativi americani come se non avessero la stessa forza ingegneristica o tecnologica di luoghi come la Grecia, Roma, l’India o la Cina. Ma quando si parla di gestione dell’acqua, i Maya erano millenni avanti“. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

Bibliografia: Scientific Reports

Per approfondire: L’antica città Maya di Tikal ospitava bacini idrici inquinati 

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it