Published On: mar, Ago 11th, 2020

Su Cerere c’è acqua liquida sotto la superficie

Cerere, il più grande pianeta nano nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove, è stato a lungo ritenuto una roccia spaziale sterile. In realtà, come hanno mostrato i risultati di una grande missione di esplorazione, esso ospita oceani di acqua salata sotto la sua superficie.

Scoperto nel 1801 da Giuseppe Piazzi, Cerere ha mostrato tracce di Idroalite (NaCl•H2O) , un materiale comune nel ghiaccio marino che fino ad ora non era mai stato osservato al largo della Terra.

Ora possiamo affermare che Cerere è una sorta di mondo oceanico, così come alcune lune di Saturno e Giove“, ha dichiarato all’AFP Maria Cristina De Sanctis, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma.

Il team ha scoperto che i depositi di sale sembravano essersi accumulati negli ultimi due milioni di anni: un batter d’occhio nello spazio-tempo. Ciò suggerisce che queste riserve d’acqua potrebbero salire dall’interno del pianeta, qualcosa che secondo De Sanctis potrebbe avere profonde implicazioni negli studi futuri.

Il materiale trovato su Cerere è estremamente importante in termini di astrobiologia“, ha spiegato. “Sappiamo che questi minerali sono essenziali per la vita“.

In un articolo di commento di accompagnamento, Julie Castillo-Rogez, del Jet Propulsion Laboratory del California Institute of Technology, ha affermato che “quel materiale è instabile sulla superficie di Cerere, ed è di conseguenza molto recente“, ha detto.

In un documento separato, i ricercatori statunitensi hanno analizzato le immagini del cratere da impatto Occator e hanno scoperto che i suoi tumuli e le sue colline potrebbero essersi formati quando l’acqua espulsa dall’impatto di una meteora si è congelata sulla superficie.

Gli autori hanno detto che le scoperte hanno mostrato che tali processi di congelamento dell’acqua “si estendono oltre la Terra e Marte, e sono stati attivi su Cerere nel passato geologicamente recente“. Il lavoro è stato pubblicato su Nature Astronomy, Nature Geoscience e Nature Communications.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it