Published On: sab, Ago 29th, 2020

Spada vichinga rinvenuta nella Norvegia centrale

Durante l’era vichinga, probabilmente tra l’800 e il 900, un uomo morì nel villaggio che oggi chiamiamo Vinjeøra, a sud della contea di Trøndelag. Oggi, a distanza di 1100 anni, la sua tomba è stata rinvenuta durante uno scavo di una fattoria e di un cimitero di epoca vichinga, nell’ampio percorso europeo E39.

Si tratta probabilmente di un guerriero, perché l’uomo fu sepolto con un set completo di armi. La particolarità, tuttavia, è la presenza della spada sul lato sinistro del defunto, forse perché l’uomo era mancino. Ma sono solo supposizioni. La sua tomba si sovrapponeva ad altri tre guerrieri, sepolti nel fossato che circonda uno dei grandi tumuli funerari del sito. Potrebbe non sembrare un grande onore essere sepolto in un fosso, ma probabilmente lo era.

Il motivo per cui le tombe venivano sovrapposte non è ancora ben chiaro, ma si suppone che fosse importante tumulare gli antenati come spiriti compagni, in modo da continuare a vivere fisicamente ed essere inclusi nella comunità degli spiriti ancestrali.

Nello stesso fossato ad anello, gli archeologi hanno anche scoperto una quarta tomba. Il defunto era probabilmente una donna, cremata all’inizio dei tempi vichinghi o poco prima.

Gli archeologi hanno indovinato il sesso della persona in base ai doni funerari, che includevano una spilla ovale, un paio di forbici e perline. Ciò che rende speciale questa tomba, tuttavia, è la grande quantità di ossa, probabilmente almeno un paio di chili.

Uno studio condotto diversi anni fa ha dimostrato che le tombe a cremazione dell’età del ferro contengono in media solo circa 250 grammi di ossa. Un corpo umano morto che viene cremato, d’altra parte, brucia fino a 2 chili di ossa.

La donna in questa tomba, quindi, fu apparentemente sepolta nella sua interezza, sebbene gli archeologi potessero anche identificare alcune ossa di uccelli. Ma perché di solito si trovano così poche ossa nelle tombe crematorie?

Ne sappiamo molto poco. Dalle fonti sappiamo che alle ossa degli antenati venivano attribuite proprietà magiche, come dare forza e curare le malattie. Quindi possiamo immaginare che potrebbero essere state utilizzate attivamente in una sorta di rituale“, spiega Raymond Sauvage, un archeologo del Museo dell’Università NTNU.

Lo stupore nell’aria è palpabile quando la spada inizia a rilasciare la presa sul terreno e l’archeologa Astrid Kviseth si prepara a sollevarla. Estrarre una spada vichinga dal terreno non è un evento quotidiano, quindi c’è da aspettarsi un po’ di tensione. Non vuoi essere colui che dopo mille anni lascia cadere la spada con il pericolo di romperla.
Fortunatamente, la spada è solida e con mano sicura Astrid la solleva in una scatola imbottita.

Mentre tutti gli archeologi sul campo sollevano a turno la scatola della spada per prevedere il suo peso, Sauvage non vede l’ora di saperne di più su ciò che è nascosto sotto tutta la ruggine.

Sarà emozionante portare la spada nel laboratorio di conservazione e sottoporla ai raggi X in modo da poter vedere cosa si nasconde sotto la corrosione. Forse ha ornamenti o saldature sulla lama“, conclude l’archeologo.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it