Published On: mer, Mag 25th, 2022

Il vaiolo delle scimmie

Cugino più “mite” del vaiolo, il vaiolo delle scimmie è una malattia infettiva che si diffonde attraverso le goccioline respiratorie e in minor misura dal contatto della pelle, a cui potrebbe (condizionale d’obbligo) contribuire anche la trasmissione sessuale.
E’ comparso recentemente in 13 paesi di quattro continenti, ma la sua diffusione pare essere molto lenta. Ciò significa che non è in corso alcuna pandemia, ma gli scienziati invitano ad utilizzare cautela.

POXVIRUS

Si tratta di un vero e proprio ritorno alla ribalta per i poxvirus, una minaccia ormai dimenticata da quando l’OMS dichiarò il vaiolo eradicato nel 1980.
L’attuale focolaio è emerso il 7 maggio nel Regno Unito e negli ultimi 3 giorni sono stati segnalati più di 100 casi sospetti in Spagna, Portogallo, Stati Uniti, Canada, Svezia, Italia, Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Australia e Israele.

LA SCOPERTA

La sua scoperta risale al 1958 in una colonia di scimmie, ma i suoi ospiti naturali sarebbero roditori e altri piccoli mammiferi. E’ emerso per la prima volta negli esseri umani nel 1970 in quella che oggi è la Repubblica Democratica del Congo, con febbre, mal di testa e gonfiore dei linfonodi, seguiti da un’eruzione di vescicole o pustole.
Occasionalmente produce focolai nell’Africa subsahariana, che come in questo caso si diffondono in altri paesi tramite i viaggiatori.

PERICOLOSITA’

La maggior parte delle persone guarisce entro poche settimane. Il ceppo del bacino del Congo uccide invece fino al 10% delle persone infette, ma il recente focolaio sembra coinvolgere solo il ceppo dell’Africa occidentale, che nei focolai passati aveva un tasso di mortalità di circa l’1%. I focolai “generalmente svaniscono da soli“, osservano i ricercatori, anche se gli ultimi casi si estendono su un’area geografica estremamente ampia. Ed è un fatto sorprendente.
Sebbene si tratti di una situazione insolita, quindi, è ancora improbabile che l’epidemia divenga una minaccia globale.

Il primo caso segnalato (riscontrato dopo 3 giorni), risale allo scorso 4 Maggio su un viaggiatore tornato nel Regno Unito dalla Nigeria. Tuttavia, è emerso che la diffusione sia avvenuta da più introduzioni e che quindi quello di inizio mese dovrebbe essere fine a sé stesso.

IL PRIMO GENOMA COMPLETO

Un team guidato da João Paulo Gomes del National Institute of Health del Portogallo ha pubblicato il primo genoma completo del virus, che assomiglia di più ai virus che i viaggiatori esportarono dalla Nigeria nel 2018 e nel 2019 a Singapore, in Israele e negli Stati Uniti.

Il vaiolo delle scimmie

I ricercatori portoghesi hanno sequenziato il virus da un campione raccolto il 4 maggio, il che significa che la persona infetta probabilmente non aveva alcun legame con il paziente indice nel Regno Unito. A quel tempo, i medici portoghesi non avevano idea di cosa avesse causato le lesioni dei loro pazienti, dice Gomes, e non hanno testato il campione fino a quando non hanno appreso degli insoliti gruppi di casi nel Regno Unito.
In effetti, il vaiolo delle scimmie è così raro che pochi medici hanno mai visto un caso. Le sue lesioni assomigliano a quelle osservate dalla varicella e dalla sifilide e la maggior parte dei medici non penserebbe mai a tale virus.

Oltre ai lunghi test che richiedono il sequenziamento del virus di grandi dimensioni, circa 20 volte più grande dell’HIV, i laboratori possono anche utilizzare il test di reazione a catena della polimerasi, che può sondare campioni per minuscoli frammenti di DNA virale del vaiolo delle scimmie e quindi amplificarlo a livelli rilevabili.

LA TRASMISSIONE SESSUALE

La trasmissione sessuale del vaiolo delle scimmie non è mai stata dimostrata, sebbene i ricercatori nigeriani in un rapporto del 2017 sospettassero che potesse essersi verificata, perché diversi pazienti avevano ulcere genitali. Fernando Simón, che dirige il centro di coordinamento del Ministero della Salute spagnolo per gli allarmi sanitari e le emergenze, afferma che tutti e sette i casi confermati segnalati in Spagna erano persone MSM o transgender che avevano partecipato a feste sessuali.

La maggior parte dei casi presenta lesioni esclusivamente perigenitali, perianali e intorno alla bocca“, afferma Simón. Anche se non ci sono prove che lo sperma possa trasmettere il virus. Finora, l’ipotesi più accettabile è che si trasmetta dopo il contatto con le lesioni. Ma sottolinea che la trasmissione potrebbe essere avvenuta per contatto, senza aver fatto sesso.

NESSUNO IN GRAVI CONDIZIONI

Nessuno dei pazienti spagnoli finora si è ammalato gravemente. Due di essi hanno infezioni da HIV che sono ben controllate con i farmaci. Le comunità MSM e transgender hanno un’alta prevalenza di HIV, ma non ci sono prove che il sistema immunitario compromesso abbia avuto un ruolo in questo focolaio. Anche perché i funzionari sanitari di molti paesi colpiti, per motivi di privacy, hanno fornito pochi dettagli sulle persone infette.
È possibile che il vaiolo delle scimmie abbia iniziato a diffondersi ben prima di maggio, ma che la sua diffusione sia stata limitata dai blocchi Covid-19.

IL VAIOLO E I VACCINI

Il vaiolo è stato per secoli un flagello che ha ucciso sino al 30% delle persone infette. Fu eradicato grazie ad una massiccia campagna globale di vaccinazioni e ad oggi risulta l’unico patogeno umano ad essere stato eradicato (sebbene esistano dei campioni nei laboratori in Russia e negli Usa). All’inizio degli anni ’70 i casi di vaiolo crollarono e i vaccini furono sospesi a causa dei rischi superiori ai benefici. Quel tipo di vaccino poteva infatti causare effetti collaterali in grado di uccidere una persona vaccinata su 1 milione. La campagna vaccinale terminò ufficialmente nel 1977, anno in cui si verificò l’ultimo caso.

Alcuni ricercatori temono che il vaiolo delle scimmie possa evolversi per riempire la “nicchia ecologica” lasciata dal vaiolo. In effetti, i casi segnalati sono costantemente aumentati in Africa nel corso degli anni e il nuovo focolaio è il primo a verificarsi in diversi continenti contemporaneamente.

Un bambino alle prese con il vaccino

In Europa e in Nord America sono disponibili due vaccini che proteggono dal vaiolo e dal vaiolo delle scimmie. Uno, prodotto da Emergent BioSolutions, è simile al vaccino utilizzato durante la campagna di eradicazione e può ancora causare malattie gravi e persino la morte nelle persone che hanno un sistema immunitario compromesso. L’altro, dal bavarese nordico, utilizza una forma non replicante di vaccinia, specificamente progettata per causare meno effetti collaterali. È l’unico vaccino esplicitamente approvato per il vaiolo delle scimmie.

All’inizio di questo mese, il Regno Unito ha iniziato a offrire vaccini agli operatori sanitari che erano stati in contatto con pazienti affetti da vaiolo delle scimmie. La Spagna deve ancora farlo, anche perché i medici nei reparti di malattie infettive hanno dispositivi di protezione individuale ed esperienza per proteggersi.

Immagine esemplificativa

Anche il Massachusetts General Hospital, che si occupa dell’unico caso confermato negli Stati Uniti, non ha offerto al personale un vaccino. Nonostante gli USA abbiano approvato i vaccini, i medici non possono prescriverli: esistono solo in una scorta nazionale controllata dal CDC. Per ora, considera gli operatori sanitari in una categoria di rischio “intermedio” che non giustifica la vaccinazione.

I vaccini, che prevengono la malattia anche se utilizzati fino a 4 giorni dopo che una persona è stata esposta al virus, potrebbero essere però utilizzati in futuro. Finora, nessun paese ha annunciato l’intenzione di farlo. Entrambi i vaccini scarseggiano e in genere sono disponibili solo attraverso scorte nazionali.

I FARMACI

Esistono anche farmaci per il trattamento di casi gravi. Uno, tecovirimat, nel 2018 è diventato il primo farmaco approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento del vaiolo dopo che si è dimostrato sicuro negli studi sull’uomo ed efficace negli animali a cui sono stati somministrati virus strettamente correlati. Sulla base di dati simili, l’anno scorso la FDA ha approvato un secondo farmaco, il brincidofovir.

Sebbene i farmaci e i vaccini offrano speranza per limitare la gravità e la portata di questo focolaio, una dichiarazione dell’OMS rilasciata il 18 maggio avverte che “queste contromisure non sono ancora ampiamente disponibili“.

E i campanelli d’allarme suoneranno probabilmente sempre più forte se i casi continueranno a crescere e il virus emergerà in un numero sempre maggiore di paesi.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it