Published On: lun, Dic 4th, 2023

Il dibattito scientifico sulle scie di condensazione: riduzione o mitigazione?

Il dibattito scientifico sulle scie di condensazione create dagli aerei, spesso viste come innocue linee di vapore acqueo, è entrato in una nuova fase di intensa discussione. Mentre gli attivisti ambientali sostengono che contribuiscano più del previsto al riscaldamento globale, una recente valutazione scientifica ha gettato dubbi su questa premessa, mettendo in discussione l’urgenza di ridurle rapidamente. L’industria aeronautica, sotto pressione, sta intensificando la ricerca su possibili soluzioni, come l’utilizzo di carburanti sostenibili e la modifica delle rotte dei velivoli.

Boeing, NASA e Google sono tra le organizzazioni coinvolte in esperimenti e ricerche per affrontare questo problema. Nel mese di ottobre hanno condotto test di volo con un aereo da ricerca DC-8 della NASA che volava dietro un 737 MAX 10 per annusare i suoi gas di scarico e analizzare le sue scie, al fine di testare se il cosiddetto carburante per l’aviazione sostenibile potesse ridurre la loro incidenza. Google, inoltre, in collaborazione con i ricercatori di Breakthrough Energy, il gruppo di ricerca sull’azione climatica con sede a Seattle fondato da Bill Gates, ha condotto un piccolo esperimento con American Airlines per verificare se i piloti commerciali potessero evitare le regioni dell’atmosfera che potrebbero indurre scie di condensazione.

LE INCERTEZZE

Il recente articolo di David Lee, presidente del gruppo di lavoro sull’aviazione del Comitato intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e autore dello studio del 2021 sull’impatto dell’aviazione sul clima, ha sollevato incertezze significative sulla portata dell’effetto riscaldante delle scie di condensazione. Lee sottolinea che l’incertezza scientifica riguardo agli impatti delle scie e l’effetto raffreddante connesso rendono problematico prendere azioni drastiche senza conseguenze indesiderate. Il dibattito si concentra sulla complessità scientifica delle scie di condensazione, formate quando il vapore acqueo si condensa attorno agli aerosol emessi dai motori degli aerei. Mentre alcuni sostengono che ridurre queste scie potrebbe essere una soluzione immediata e praticabile, altri avvertono che la scienza attuale non fornisce una base solida per azioni tempestive.

Scie di condensazione prodotte da un aereo

Secondo Lee, deviare gli aerei per evitare lo spazio aereo suscettibile all’induzione di scie di condensazione significa bruciare più carburante ed emettere più CO2 che rimane nell’atmosfera per secoli, mentre le scie si dissipano in pochi giorni. La pressione politica in Europa per monitorare e affrontare gli effetti climatici delle scie di condensazione è in aumento, ma la nuova valutazione di Lee solleva dubbi sulla necessità di agire in fretta senza ulteriori ricerche e analisi approfondite. 

In un panorama in cui la riduzione delle emissioni di carbonio resta una priorità, l’industria aeronautica è ora di fronte a un dilemma: concentrarsi sulla mitigazione delle scie di condensazione o continuare a investire nella ricerca e nello sviluppo di tecnologie aeronautiche più sostenibili?

Il futuro delle scie di condensazione e la risposta dell’industria aeronautica rimangono incerti, richiedendo un approccio equilibrato che consideri sia la necessità di ridurre l’impatto ambientale che la complessità della scienza climatica coinvolta.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013, si occupa di cronaca scientifica dal 2011, anno di inizio del praticantato. Dal 2007 al 2014 ha condotto degli studi mesoclimatici sui raffreddamenti radiativi delle doline di origine carsica e sull’esondazione del cold air pool. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it