Published On: gio, Gen 11th, 2024

Scienziati fanno luce sull’ondata di caldo record del 2022 in Antartide

Nel marzo 2022, l’Antartide ha sperimentato una sorprendente ondata di caldo, segnando temperature record e suscitando preoccupazioni nella comunità scientifica globale. L’evento è stato studiato da un team di ricercatori internazionali che ha poi pubblicato i risultati in due documenti innovativi, che rivelano una storia complessa di connessioni meteorologiche globali.

LO STUDIO

Il fenomeno ha avuto origine nelle condizioni di La Niña, dove il caldo tropicale vicino all’Indonesia si è riversato sopra l’Oceano Indiano. Simultaneamente, depressioni meteorologiche dall’Africa meridionale hanno generato una stagione tardiva di cicloni tropicali, creando una corrente a getto che ha trasportato calore e umidità tropicale fino all’Antartide.

Le temperature anomale hanno causato il crollo della vulnerabile piattaforma di ghiaccio del Grongo, ma fortunatamente, essendo avvenuto durante l’inverno antartico, gli impatti non sono stati così gravi come avrebbero potuto essere in estate. Le temperature nell’entroterra sono rimaste in gran parte sotto lo zero, anche se i valori hanno raggiunto 40°C sopra la media del periodo, con la maggior parte dell’umidità tropicale che cadeva sotto forma di neve, compensando la perdita di ghiaccio.

La collaborazione internazionale è stata fondamentale per lo studio, evidenziando l’importanza della condivisione aperta di dati scientifici. Tuttavia, l’evento ha sollevato preoccupazioni sulle connessioni tra eventi meteorologici dei tropici e l’Antartide, con implicazioni per la calotta glaciale antartica e il livello del mare globale.

GLI IMPATTI

Gli impatti dell’onda calda includono il collasso della piattaforma di ghiaccio, la riduzione dell’estensione del ghiaccio marino e la dimostrazione di come il caldo tropicale possa innescare il crollo delle piattaforme di ghiaccio instabili. La ricerca ha anche previsto che simili anomalie di temperatura si verificheranno più frequentemente a causa dei cambiamenti climatici. Questi risultati forniscono alla comunità globale preziose informazioni per migliorare la pianificazione e affrontare scenari futuri.

Come risponderemo a futuri eventi simili in estate? Come potremo preparare le comunità costiere per un aumento del livello del mare maggiore di quanto attualmente previsto? La ricerca contribuisce a un quadro più ampio del cambiamento climatico, sottolineando l’urgente necessità di azioni concrete per mitigare gli impatti futuri.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013, si occupa di cronaca scientifica dal 2011, anno di inizio del praticantato. Dal 2007 al 2014 ha condotto degli studi mesoclimatici sui raffreddamenti radiativi delle doline di origine carsica e sull’esondazione del cold air pool. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it