Published On: mar, Giu 23rd, 2020

Una proteina chiave riduce il danno dell’attacco cardiaco

Dopo un attacco di cuore, una serie di processi biochimici lasciano il muscolo danneggiato, proprio come un’auto dopo un incidente.

C’è una perdita di tessuto che deve essere ricostruita, proteine ​​che vengono schiacciate, danni muscolari e interruzioni del flusso sanguigno e dell’ossigeno. Poiché il cuore non è molto bravo a ripararsi, è importante scoprire innanzitutto come ridurre al minimo i danni.

I ricercatori dell’Heart Institute della San Diego State University hanno scoperto come una proteina chiave possa ridurre il danno dell’attacco cardiaco, migliorando i tassi di sopravvivenza e la funzione cardiaca in coloro che sopravvivono.

Più il tuo cuore è danneggiato, peggiore è la prognosi a lungo termine, quindi è lì che la nostra ricerca è focalizzata“, ha affermato Chris Glembotski, cardiologo molecolare e direttore dell’SDSU Heart Institute. “Studiamo come rendere il cuore più resistente al danno di un infarto, che migliorerebbe il recupero del paziente.”

Ora, testando i topi geneticamente modificati e inducendo un attacco di cuore, i ricercatori hanno scoperto che la proteina MANF (fattore neurotrofico derivato dagli astrociti mesencefalici), agisce in modo molto simile a un carrozziere, correggendo le altre proteine.
Lo studio prova che lo stress ossidativo iniziale dopo un infarto – la sovrabbondanza di ossigeno – è seguito da un effetto opposto potenzialmente dannoso. Lo stress riduttivo è come una reazione eccessiva in cui l’ossigeno viene utilizzato dal cuore così rapidamente che può esaurirsi.

Gli scienziati prevedono che questa scoperta potrebbe portare alla somministrazione della proteina come farmaco che può essere somministrato per via endovenosa alle vittime di attacco cardiaco dai primi soccorritori. Immediatamente dopo un attacco di cuore c’è un periodo in cui l’intervento per ridurre la gravità e il danno può aumentare significativamente le possibilità non solo di sopravvivenza ma anche del livello di funzionalità futura.
In genere, le proteine ​​hanno una forma tridimensionale che consente loro di fare in modo che il cuore funzioni correttamente. Quando questa forma viene persa, la funzione cardiaca ne è influenzata. Ed è qui che subentra la scoperta.
I prossimi studi saranno testati sui cuori dei maiali, che rispondono in modo molto più simile a quelli umani.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it