Published On: mar, Ago 18th, 2020

Le foreste a clima freddo del Nord America stanno già assorbendo meno carbonio

Negli ultimi decenni è emerso che le foreste a clima freddo ad alte latitudini sono diventate dei serbatoi di carbonio ancora più efficaci poiché l’aumento delle temperature e livelli di  CO₂ più elevati le hanno rese più produttive.

Ma un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università del Michigan offre un quadro più chiaro di ciò che sta accadendo in diverse regioni e ha gettato ulteriore incertezza sul fatto che quegli ecosistemi continueranno ad assorbire carbonio man mano che diventeranno più caldi e secchi nei decenni a venire.

Lo studio, che ha coinvolto gli esperti di tutto il mondo, mostra che dall’inizio degli anni ’80 l’assorbimento stagionale di carbonio nelle foreste siberiane è aumentato di quattro volte rispetto a quello delle foreste boreali nordamericane (Alaska e Canada occidentale).

Lo studio è il primo a quantificare come il carbonio emesso da specifiche regioni superficiali influenzi il ciclo stagionale della  CO₂ nell’atmosfera: il pianeta essenzialmente “respira” carbonio durante la primavera e l’estate quando alberi e piante crescono foglie e attuano la fotosintesi, ed espira in inverno quando la vegetazione diventa dormiente.

La conoscenza di questo flusso stagionale offre ai ricercatori un quadro di quanto siano produttive le diverse regioni forestali e di quanto carbonio rimuovono dall’atmosfera.

Questa ricerca mostra che dobbiamo pensare in modo diverso al modo in cui comprendiamo il ciclo del carbonio“, ha detto il coautore dello studio Gretchen Keppel-Aleks, assistente professore di scienze del clima e dello spazio e ingegneria. “Non possiamo raggruppare insieme gli ecosistemi in base alla loro latitudine. Dobbiamo pensare alle singole specie e ai cicli stagionali specifici di temperatura e precipitazioni“.

I ricercatori sanno che le oscillazioni del flusso stagionale annuale di carbonio sono aumentate notevolmente negli ultimi decenni. Nell’emisfero settentrionale, l’intensità del flusso è aumentata del 30-50% dagli anni ’60, suggerendo un cambiamento ecologico diffuso. Ma poiché studi precedenti si sono concentrati sui flussi medi del pianeta o dell’emisfero, non è chiaro esattamente cosa determini l’aumento.

La Siberia sta diventando più verde, rafforzando il suo serbatoio di carbonio e determinando un aumento degli scambi stagionali di  CO₂ , ma l’Artico-boreale del Nord America risulta sotto stress a causa di incendi, parassiti e siccità.

Per produrre i risultati, il team ha iniziato con misurazioni effettive della  CO₂ atmosferica, raccolte nel corso di decenni dalla National Oceanic and Atmospheric Administration.

Hanno quindi lavorato a ritroso, utilizzando un modello computerizzato per calcolare le emissioni superficiali regionali che avrebbero portato a livelli di carbonio atmosferico che corrispondevano alle osservazioni effettive.

Abbiamo utilizzato questi flussi di superficie realistici e li abbiamo rilasciati nell’atmosfera nel nostro modello, e ciò che è unico è che abbiamo etichettato le singole regioni in modo diverso“, ha detto Keppel-Aleks. “Abbiamo potuto osservare la  CO₂ rossa proveniente dalla Siberia, la CO₂ blu proveniente dal Nord America, la CO₂ verde proveniente da ecosistemi di latitudine inferiore. Questo ci ha permesso di capire quali regioni sono responsabili di questo aumento del ciclo stagionale“.

Queste osservazioni e l’entità del cambiamento che abbiamo misurato sono ineguagliabili rispetto a molti altri siti in tutto il mondo in cui tracciamo la CO₂ nell’atmosfera, suggerendo che nell’Artico sta accadendo qualcosa di drammatico che non sta accadendo da nessun’altra parte“, ha detto il coautore dello studio Colm Sweeney, direttore associato del NOAA Global Monitoring Laboratory. “Questo studio ci ha aiutato a capire meglio e individuare la fonte di queste osservazioni drammatiche“.

La ricerca corrobora anche i dati precedenti che mostrano un inverdimento significativo nelle foreste siberiane insieme a un inverdimento molto minore a latitudini simili nel Nord America.

È davvero significativo che, utilizzando dati atmosferici completamente indipendenti, stiamo corroborando le tendenze di imbrunimento e di inverdimento nei dati di telerilevamento e dimostrando che gli ecosistemi siberiani sembrano effettivamente crescere più produttivi in ​​estate“, ha detto Keppel-Aleks.

È un altro segno inequivocabile che gli esseri umani stanno causando cambiamenti negli ecosistemi della Terra, e mostra che dobbiamo sviluppare una migliore comprensione di quegli ecosistemi se vogliamo prevedere cosa c’è in serbo per il pianeta“. Lo studio è stato pubblicato su PNAS.

Bibliografia: PNAS

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it