Published On: dom, Set 6th, 2020

Pandemie, imparare dal passato

Che si tratti di peste, colera o attualmente COVID-19, le epidemie fanno parte della storia umana. Molto prima che esistessero vaccinazioni o microscopi per lo studio dei patogeni, le società dovevano sviluppare strategie di adattamento. Queste sono descritte nella brochure “Distant Times so Close: Pandemics and Crises reloaded“, che è la prima di una serie di pubblicazioni storico-archeologiche su temi di attualità pubblicate dal Cluster of Excellence “ROOTS – Social, Environmental, and Cultural Connectivity in Past Societies “presso l’Università di Kiel (CAU).

In una situazione come il presente, vale la pena guardare al passato e ricordare a noi stessi le strategie utilizzate dalle culture precedenti per affrontare epidemie e/o pandemie“, ha affermato il professor Johannes Müller, archeologo. “Perché se le moderne tecnologie hanno raggiunto i loro limiti, ad esempio, se non ci sono ancora vaccini o trattamenti appropriati disponibili, allora siamo essenzialmente nella stessa posizione delle persone di secoli fa“, ha aggiunto il co-editore, la professoressa Cheryl Makarewicz. L’opuscolo interdisciplinare, disponibile in tedesco e in inglese, contiene istantanee che vanno dal Neolitico, all’antichità classica e al Medioevo. Gli autori sono esperti rilevanti di un ampio spettro di argomenti rappresentati nel lavoro, che coinvolge allo stesso modo scienziati delle scienze naturali, delle scienze della vita e degli studi umanistici. In breve, articoli facilmente comprensibili e riccamente illustrati descrivono casi significativi di epidemie, le loro origini, i loro sviluppi, strategie sorprendentemente diverse per affrontarle e, ultimo ma non meno importante, la conoscenza radicata culturalmente tratta dalle riflessioni contemporanee.

I contributi mirano a fornire spunti inaspettati su ciò che è in parte considerato noto. “Ad esempio, non tutti ricordano che nel suo poema epico, l’Iliade, il poeta greco Omero costruì la sua narrazione della guerra di Troia intorno allo scoppio di un’epidemia“, ha riferito il professor Lutz Käppel. “La radice della tragedia dell’Iliade, tutte le inutili uccisioni e morti, in ultima analisi, risiede nell’incapacità di affrontare l’epidemia su una base socialmente equa, e non nella situazione medica stessa“. Il vero pericolo per una comunità – secondo questo lavoro dagli inizi della storia letteraria europea – risiede nella distorsione sociale interna degli interessi, piuttosto che nella vera e propria epidemia. Nella sua nuova interpretazione del lavoro, Käppel mostra come questo approccio si applichi alla situazione attuale.

Nel suo contributo alle “radici delle zoonosi“, Cheryl Makarewicz fa luce sulle origini delle epidemie. I risultati della sua analisi indicano che: “le radici di alcune malattie sembrano avere origine nei processi di domesticazione in Medio Oriente diecimila anni fa“. Ciò significa che dall’età neolitica, cioè dal tempo in cui abbiamo iniziato ad addomesticare gli animali, l’umanità stessa ha creato una fonte di epidemie. Ben Krause-Kyora e Almut Nebel, che studiano il cosiddetto “DNA antico“, supportano questa scoperta: “nel nostro lavoro di ricerca, abbiamo dimostrato che alcune malattie infettive hanno già afflitto i nostri antenati sin dal Neolitico“. Quali strategie di gestione delle crisi sono state associate a loro è rivelato in ulteriori articoli tratti da archeologia, storia medica e filosofia.

IMPARARE DALLA STORIA – “L’idea alla base del cluster è che sono sempre le connettività che modellano in modo significativo lo sviluppo delle società umane: connessioni e interazioni tra esseri umani e ambiente, gruppi, e in senso più ampio anche tra vari domini di azione, come i modi della vita, degli ordini sociali, delle culture della conoscenza, delle strategie economiche, delle diete o dei modelli di malattia. Questo potrebbe anche servire come punto di partenza“, ha riassunto Lutz Käppel.

Gli articoli non forniscono una panacea per affrontare l’attuale pandemia. “Tuttavia, danno un contributo indispensabile per affrontare una tale minaccia in un modo storicamente illuminato, in cui l’esperienza storica insieme alla moderna conoscenza medica devono essere parte di una strategia globale per superarla“, ha concluso Johannes Müller.

Il documento è scaricabile a questo link: 

http://www.uni-kiel.de/de/pressemitteilungen/2020/202-ROOTS-Booklet-Pandemics.pdf

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it