Published On: gio, Gen 7th, 2021

Le varianti del coronavirus potrebbero richiedere vaccini periodici?

Sars-CoV-2 nel suo percorso vitale ha accumulato una serie di cambiamenti: esse sono note come varianti, di cui molto si è parlato recentemente. 

I media hanno ben descritto la variante britannica, a causa della quale parte della popolazione, presa dal panico, è fuggita dai luoghi a rischio. Tale variante si è dimostrata più contagiosa, infondendo preoccupazioni circa l’efficacia dei vaccini.

I virus a RNA possiedono genomi altamente dinamici. Non tutte le mutazioni divengono rilevanti o significative e non tutte sono presenti in ogni proteina. Alcune di esse, però, possono consentire al virus una diffusione più efficace. Ed è quello che è accaduto nella variante isolata nel Regno Unito.

I genomi del Coronavirus sono costituiti da un singolo filamento di RNA. Questi tipi di virus sono i più rapidamente mutevoli del pianeta. Mutano così velocemente che rappresentano sciami virali di individui altamente diversi. A causa dell’elevato tasso di mutazione virale, è probabile che un paziente perda una varietà di ceppi virali mutanti.

Nella prima parte della pandemia, ad esempio, uno studio ha esaminato 12.606 genomi SARS-CoV-2 disponibili in quel lasso temporale, scoprendo 27 mutazioni significative che il virus probabilmente preserverà. Uno di questi, D614G, è presente nella maggior parte dei genomi virali campionati oggi, che ora si contano a centinaia di migliaia.

La variante B.1.1.7 britannica ha 17 mutazioni che sono state catalogate come importanti per ulteriori studi, ma sono state osservate mutazioni rilevanti anche per le proteine ​​spike all’esterno del virus; la proteina N, che devia la risposta immunologica umana a vantaggio del virus; e proteine ​​strutturali che aiutano la diffusione del virus.

Le mutazioni si verificano in modo casuale, ma ci sono proteine ​​che proteggono il sistema di replicazione del virus dall’agire troppo selvaggiamente.

Ciò accade perché troppe mutazioni potrebbero essere deleterie per il virus, distruggendo le sue possibilità di trovare mutazioni più utili. Tuttavia, poche mutazioni potrebbero eliminare le opportunità di innovazione del virus.

Quindi, ciò che stiamo osservando non è niente di straordinario. Ciò che è fuori dall’ordinario è la dimensione della pandemia.

Sembra che le mutazioni come quelle nella variante B.1.1.7 non colpiscano siti con punteggi di accessibilità anticorpale elevati. Questa è una buona notizia per la vaccinazione. La cattiva notizia è che sembra che quelle mutazioni stiano interferendo con il rilevamento del virus nelle analisi PCR utilizzate dalla maggior parte dei test COVID-19. Ciò implica molto lavoro in arrivo per risolvere il problema dei test accurati.

I nuovi ceppi potrebbero quindi richiedere nuovi vaccini periodici, simili alle vaccinazioni antinfluenzali annuali?

Il coronavirus si comporta come l’influenza ed è stagionale come l’influenza. Quindi sì, i ceppi virali cambieranno e potremmo aver bisogno di nuovi vaccini sviluppati. Tuttavia, la nuova tecnologia RNA sembra molto efficace e veloce da implementare. Ed è un’ottima notizia.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it