Published On: lun, Gen 15th, 2024

Una miniera di uranio a sud del Grand Canyon

Negli ultimi mesi, la recente apertura della miniera di uranio di Pinyon Plain, situata a soli 10 miglia a sud del bordo meridionale del Grand Canyon, ha sollevato preoccupazioni tra gli esperti ambientali e la comunità locale. Nonostante il divieto ventennale sull’estrazione mineraria nel territorio ricco di uranio intorno al parco nazionale sia scaduto nel 2023, molte voci si sono alzate contro questa decisione, sottolineando i potenziali impatti devastanti sull’ambiente e sulle risorse idriche della regione. La tribù Havasupai ha giocato un ruolo attivo nel cercare di fermare l’apertura della miniera, sostenendo che ciò avrebbe potuto contaminare le falde acquifere locali e minacciare siti religiosi e culturali. Tuttavia, un giudice federale ha respinto la loro richiesta nel 2022, aprendo la strada alla Pinyon Plain Mine, precedentemente conosciuta come Canyon Mine.

PREOCCUPAZIONI PER L’AMBIENTE E LA COMUNITA’ LOCALE

Le preoccupazioni principali riguardano il rilascio di sostanze chimiche radioattive, tra cui il gas radon, durante il processo di estrazione dell’uranio. Sebbene l’uranio stesso sia solo minimamente radioattivo, il gas radon emesso durante il decadimento radioattivo può rappresentare un serio rischio per la salute umana, con possibili collegamenti a gravi patologie come il cancro ai polmoni. Gli ambientalisti temono che la miniera possa contaminare l’ambiente circostante con polvere radioattiva, tossine trasportate dall’acqua e un aumento dei livelli di radiazione di fondo. Uno studio pubblicato sulla National Library of Medicine ha evidenziato la potenziale distruzione di una delle bellezze naturali dell’area.

TRA RISCHI E BENEFICI

Il presidente Joe Biden ha cercato di proteggere la regione circostante al Grand Canyon con la creazione del Monumento Nazionale Baaj Nwaavjo I’tah Kukveni, ma la sua portata potrebbe non essere sufficiente a fermare lo sviluppo di miniere già in fase di apertura. La World Nuclear Association ha sottolineato i pericoli associati all’estrazione dell’uranio, evidenziando il rilascio di gas radon e la possibile contaminazione delle acque sotterranee. Mentre la compagnia mineraria Energy Fuels nega le accuse, gli esperti avvertono che la presenza di rifiuti radioattivi può rappresentare una minaccia a lungo termine per l’ecosistema.

La discussione sull’energia nucleare è complessa, poiché offre un modo a basso costo e a basse emissioni di carbonio per produrre elettricità, ma presenta anche rischi significativi, come dimostrato dai disastri di Chernobyl e Fukushima. Con la domanda sull’equilibrio tra benefici e rischi che permane, la comunità locale e gli attivisti ambientali continuano a lottare per la protezione del Grand Canyon e delle sue risorse.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013, si occupa di cronaca scientifica dal 2011, anno di inizio del praticantato. Dal 2007 al 2014 ha condotto degli studi mesoclimatici sui raffreddamenti radiativi delle doline di origine carsica e sull’esondazione del cold air pool. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it