Published On: sab, Set 5th, 2020

La sindrome post-COVID (MIS-C) danneggia gravemente il cuore dei bambini

La sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (MIS-C), associata al COVID-19, danneggia il cuore a tal punto che alcuni bambini avranno bisogno di monitoraggio e interventi per tutta la vita. E’ quanto afferma l’autore di una revisione della letteratura medica pubblicata su EClinicalMedicine, una rivista di The Lancet.

I casi di studio mostrano che MIS-C può colpire bambini apparentemente sani senza preavviso tre o quattro settimane dopo le infezioni asintomatiche“, ha affermato Alvaro Moreira, dell’Università del Texas.

Secondo la letteratura, i bambini non avevano bisogno di mostrare i classici sintomi delle vie respiratorie superiori di COVID-19 per sviluppare MIS-C, il che è spaventoso“, ha detto il dottor Moreira. “I bambini potrebbero non avere sintomi, nessuno sapeva di avere la malattia e, poche settimane dopo, avevano sviluppato questa infiammazione nel corpo“.

Il team ha esaminato 662 casi di MIS-C segnalati in tutto il mondo tra il 1 gennaio e il 25 luglio. Tra i risultati:

  • Il 71% dei bambini è stato ricoverato in unità di terapia intensiva (ICU).
  • Il 60% si è presentato con shock. La durata media della degenza in ospedale è stata di 7,9 giorni.
  • Il 100% aveva febbre, il 73,7% aveva dolori addominali o diarrea e il 68,3% aveva vomito.
  • Il 90% ha fatto un test ecocardiografico (ECG) e il 54% dei risultati era anormale.
  • Il 22,2% dei bambini necessitava di ventilazione meccanica.
  • Il 4,4% ha richiesto l’ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO).
  • 11 bambini sono deceduti.

Questa è una nuova malattia infantile che si ritiene sia associata a SARS-CoV-2“, ha detto il dottor Moreira. “Può essere letale perché colpisce più sistemi di organi. Che si tratti del cuore e dei polmoni, del sistema gastrointestinale o del sistema neurologico, ha così tante facce che inizialmente era difficile da capire per i medici“.

La quantità dell’infiammazione supera due condizioni pediatriche simili, la malattia di Kawasaki e la sindrome da shock tossico. “Fortunatamente il trattamento di questi pazienti con terapie comunemente usate per la malattia di Kawasaki – immunoglobuline e glucocorticosteroidi – è stato efficace“, ha spiegato il dottor Moreira.

ANOMALIE CARDIACHE – La maggior parte dei 662 bambini ha sofferto di coinvolgimento cardiaco come indicato da marcatori come la troponina, che viene utilizzata con grande precisione negli adulti per diagnosticare attacchi di cuore.

Quasi il 90% dei bambini (581) ha subito un ecocardiogramma perché avevano una manifestazione cardiaca significativa della malattia“, ha detto il dottor Moreira.

Il danno includeva:

  • Dilatazione dei vasi sanguigni coronarici, un fenomeno visto anche nella malattia di Kawasaki.
    Frazione di eiezione depressa, che indica una ridotta capacità del cuore di pompare sangue ossigenato ai tessuti del corpo.
  • Quasi il 10% dei bambini ha avuto un aneurisma coronarico. “Si tratta di uno stiramento o di un palloncino localizzato del vaso sanguigno che può essere misurato con un’ecografia del cuore”, ha detto il dottor Moreira.
  • I bambini con un aneurisma sono maggiormente a rischio di un evento futuro. “Questi sono bambini che richiedono un’osservazione particolare e un follow-up con più ultrasuoni per verificare se il problema si risolverà o se hanno sviluppato un danno permanente”, ha detto il dottor Moreira.

Un altro fattore importante che è stato riscontrato è che quasi la metà dei pazienti era obesa o in sovrappeso.

In generale, sia negli adulti che nei bambini, stiamo vedendo che i pazienti obesi avranno un esito peggiore“, ha detto il dottor Moreira.

Rispetto all’infezione iniziale da COVID-19, i marcatori di infiammazione in MIS-C erano molto più anormali. Ad esempio, la troponina, il marker utilizzato negli adulti per diagnosticare gli attacchi di cuore, era 50 volte il suo livello normale nei bambini con MIS-C.

Le prove suggeriscono che i bambini con MIS-C hanno un’immensa infiammazione e potenziali danni ai tessuti del cuore, e avremo bisogno di seguire questi piccoli pazienti da vicino per capire quali implicazioni potrebbero avere a lungo termine“, ha concluso il dottor Moreira.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it