Published On: lun, Feb 1st, 2021

Salla 2032, la provocazione sul clima arriva dalla Finlandia

Salla, uno dei luoghi più freddi nel nord della Finlandia (mentre scriviamo ci sono -21°C), lancia la candidatura per i Giochi Olimpici. E fin qui nulla da dire, tante sono le città al mondo che lo fanno. La penisola scandinava, terra di sport invernali e terra di olimpiadi della neve, ha una lunga tradizione con i giochi olimpici invernali. Ma se andiamo a vedere bene, da calendario olimpico, nel 2032 si terranno i Giochi Olimpici estivi (quelli invernali saranno nel 2026 in Italia). E quindi? Quindi la cittadina più fredda della Finlandia si lancia nella candidatura ad ospitare i giochi estivi e non quelli invernali. 

Posizionamento di Salla, Finlandia        (Estratto Google Maps)

Ovviamente è una provocazione che però ha tanto di sito, logo e video di presentazione. Le candidature olimpiche sono presentate solitamente dal sindaco della città e infatti nel video troviamo Erkki Parkkinen, primo cittadino del piccolo borgo finnico. Dunque anche le istituzioni sono in prima linea in questa candidatura. Lo scopo è molto nobile, ed è quello ovviamente di sollecitare le azioni contro i cambiamenti climatici. Dove sono presenti ghiacci e nevi gli effetti si percepiscono prima

Dopo la svedese Greta Thunberg, la Finlandia segue a ruota con questa iniziativa provocatoria che come dice il sito non è in realtà una celebrazione, ma una protesta. Scorrendo la loro pagina scopriamo che l’iniziativa è supportata da “Fridays for future”, il movimento internazionale che guida la protesta per sensibilizzare l’opinione pubblica sui cambiamenti climatici.

Mascotte Salla 2032 (Credit savesalla.com)

Sul sito c’è anche la mappa di dove oggi ci sono le infrastrutture per gli sport invernali e dove fra 12 anni ci sarebbero quelli per gli sport estivi. Come mascotte è stata scelta ovviamente una renna. Questo pupazzo però è provato dal caldo.

Si trovano inoltre, all’interno delle pagine, tanti consigli per cosa fare e come agire per salvare il pianeta. Uno di questi è divulgare e Geomagazine.it vuole sposare questa causa portando alla vostra attenzione questo grido di aiuto. Un grido di aiuto che però non è solo per Salla, ma per il pianeta intero.

Vediamoci ora il video realizzato dagli abitanti di Salla (sottotitolato dalla nostra redazione in italiano):

 

 

Fonti Consultate: savesalla.com 

Logo Save Salla (Credit savesalla.com)

 

About the Author

- Ingegnere Ambientale, laureato presso il Politecnico di Torino, si è specializzato in difesa del suolo. Oggi si occupa di progettazione di impianti ad energia rinnovabile e di sviluppo sostenibile della montagna, con focus sulla mobilità elettrica. Volontario di Protezione Civile, ama la natura, ma anche i social media e la fotografia. Per compensare la formazione scientifica coltiva lo studio della storia e delle scienze politiche. * Contatti: giuseppe.cutano@geomagazine.it * * IG e Clubhouse: @latitude_45