Published On: dom, Ott 16th, 2022

Artrosi e prevenzione: nuovi obiettivi per il trattamento

L’usura delle articolazioni può portare a infiammazioni, rottura della cartilagine e sviluppo di osteoartrosi.

Ora, in uno studio pubblicato sulla rivista PLOS One, il biochimico Patrick Griffin e il collega Mi Ra Chang, descrivono una specifica proteina che gestisce le attività all’interno dei condrociti, la cui funzione principale è quella di produrre e mantenere la matrice cartilaginea.

LO STUDIO

Quando le persone invecchiano e stressano le articolazioni, i condrociti iniziano a cedere. Il team ha quindi scoperto che l’attivazione di una specifica proteina in queste cellule chiamata RORβ (beta) potrebbe ripristinare più fattori necessari per articolazioni lisce a livelli più sani, aiutando a controllare l’infiammazione. L’attivazione di RORβ potrebbe quindi presentare una nuova strategia utile per prevenire o ritardare lo sviluppo dell’osteoartrite degenerativa delle articolazioni.

Le persone hanno bisogno di un farmaco per l’artrosi che affronti la causa principale del danno e dell’esaurimento della cartilagine poiché attualmente non ci sono farmaci modificanti la malattia per quella che è la causa di disabilità numero 1 negli Stati Uniti“, ha detto Griffin. “Mentre il nostro lavoro è nelle fasi iniziali, il nostro studio suggerisce che il recettore nucleare RORβ potrebbe presentare un nuovo obiettivo terapeutico per proteggere i danni alla cartilagine e forse attivare la rigenerazione della cartilagine“.

Ricercatori in laboratoio Credit: La Statale

RORβ, è un tipo di proteina chiamata recettore nucleare. Nelle nostre cellule, i geni cambiano tra periodi di attività e inattività. Quando i recettori nucleari si legano al DNA, ciò attiva il processo cellulare di trascrizione dei geni in proteine. RORβ è stato collegato allo sviluppo della retina dell’occhio durante la crescita fetale e può influenzare i ritmi circadiani controllando i geni dell’orologio. Ma il suo ruolo nel mantenimento della salute della cartilagine non era chiaro.

Griffin ha studiato le cause delle malattie delle ossa per molti anni e si è concentrato su RORβ per diversi motivi. Nonostante pochi studi si siano concentrati su questo recettore, alcuni avevano mostrato una correlazione tra l’attività del recettore e la perdita ossea. Quindi lui e Chang, hanno deciso di approfondire gli studi.

Con nostra sorpresa, il programma genico sovraregolato dall’aumento dell’attività RORβ è stato di supporto alla formazione di condrociti, antinfiammatori e protettivi contro la degradazione della cartilagine“, ha concluso Chang.

UNA CONDIZIONE DI CUI SOFFRONO MILIONI DI PERSONE

Griffin ha affermato che il team ha avviato ulteriori studi a causa dell’enorme necessità di soluzioni per l’artrosi, una condizione dolorosa di cui soffrono milioni di persone.

Questo studio suggerisce che RORβ potrebbe essere un bersaglio terapeutico attraente. Tuttavia, c’è molto altro che dobbiamo svelare“, ha aggiunto Griffin. “In particolare vogliamo capire di più sul meccanismo con cui RORβ colpisce i condrociti e attenua i segnali infiammatori che portano alla distruzione della cartilagine“, conclude Griffin.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it