Published On: mer, Giu 3rd, 2020

Nisarga, un ciclone “anomalo” sull’India occidentale

Il ciclone Nisarga si è presentato con tutta la sua violenza nella città costiera di Alibag, a circa 100 Km a sud di Mumbai. Solitamente quest’area è riparata dai cicloni – l’ultima grave tempesta che ha colpito la città è stata nel 1948 – ma le autorità hanno evacuato almeno 100.000 persone da zone a rischio alluvione negli stati di Maharashtra e Gujarat. I funzionari hanno ordinato la chiusura di uffici e fabbriche e hanno suggerito alla gente di rimanere in casa. Di anomalo, oltre al fatto che l’area non veniva interessata da un ciclone da decenni, c’è anche il periodo anticipato, che potrebbe fare di Nisarga un evento unico.

Nell’allerta emanata dai meteorologi locali, si attendono forti precipitazioni, raffiche sino a 120 Km/h e mareggiate con onde sino a 2 metri di altezza.
Tra gli evacuati anche 150 pazienti affetti da Coronavirus provenienti da un ospedale da campo di recente costruzione a Mumbai, che sottolineano le difficoltà che la città deve affrontare prima della stagione dei monsoni mentre lotta per contenere la pandemia.
L’intensità è molto forte e nulla di simile agli eventi meteorologici che abbiamo visto prima“, ha detto Milind Dhodre, un professore che vive ad Alibag con sua moglie e suo figlio.
A Mumbai, la polizia ha annunciato nuove restrizioni sulla città di 18 milioni di persone. “Astenersi dall’avventurarsi in spiagge, sul lungomare, nei parchi e in altri luoghi simili lungo la costa“, è il tweet della polizia locale.

Non lasciare la tua casa per la tua sicurezza e il tuo benessere“, ha dichiarato ieri su Twitter il capo del Maharashtra, Uddhav Thackeray, avvertendo di possibili interruzioni dell’alimentazione elettrica dovute a forti piogge.
Uffici, industrie e altre attività, che hanno iniziato a funzionare, saranno chiuse domani e dopodomani“, ha aggiunto. Agli abitanti delle baraccopoli nelle zone pianeggianti di Mumbai è stato ordinato di spostarsi su un terreno più elevato, con le autorità cittadine che trasformano le scuole vuote in rifugi temporanei. Anche i servizi ferroviari interstatali sono stati interrotti da ritardi e deviazioni per garantire che i treni non viaggiassero attraverso Mumbai fino al passaggio del ciclone. Nisarga arriva alle spalle del ciclone Amphan, che ha ucciso più di 100 persone mentre devastava il mese scorso l’India orientale e il Bangladesh, distruggendo villaggi, fattorie e lasciando milioni di residenti senza elettricità.

Tali tempeste sono meno comuni nel Mar Arabico che sulla costa orientale dell’India. Secondo Adam Sobel, uno scienziato del clima presso la Columbia University, si prevede un tasso di incremento nella frequenza a causa dei cambiamenti climatici in atto.

La temperatura dello strato superiore del mare, da cui il ciclone trae la sua energia, è insolitamente alta”, ha dichiarato KJ Ramesh, ex capo del dipartimento meteorologico indiano. “Cicloni molto più frequenti e intensi sono apparsi in un periodo più breve negli ultimi anni a causa dei cambiamenti climatici“, ha detto. “La previsione di tali tempeste diventa una sfida“, ha concluso.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it