X

Perché le vaccinazioni antinfluenzali stagionali sono inefficaci a lungo termine?

La vaccinazione antinfluenzale stagionale aumenta il numero di cellule produttrici di anticorpi specifici nel midollo osseo. Tuttavia, la maggior parte delle cellule appena generate vengono perse entro un anno.

Per tale motivo abbiamo bisogno di un vaccino antinfluenzale ogni 12 mesi, in parte perché i virus influenzali che infettano gli esseri umani mutano e scambiano i geni con virus di uccelli e maiali, ma anche a causa del declino nel tempo che questo studio evidenzia.

La maggior parte degli studi sui vaccini acquisisce campioni di sangue dei partecipanti, ossia dove le cellule produttrici di anticorpi possono essere trovate per alcune settimane dopo la vaccinazione.
Tuttavia, i ricercatori guidati dal direttore dell’Emory Vaccine Center, Rafi Ahmed, hanno compiuto un passo in più per ottenere campioni di midollo osseo seguendo una procedura più invasiva.

La maggior parte delle persone ha già alcune plasmacellule specifiche per l’influenza, ossia il tipo di cellule immunitarie che secernono grandi quantità di anticorpi. Quindi i ricercatori di Emory dovevano distinguere tra anticorpi prodotti da cellule preesistenti e anticorpi la cui produzione era stimolata dai ceppi presenti nel vaccino stagionale.

Siamo stati in grado di seguire le cellule specifiche prodotte dal vaccino perché hanno prodotto anticorpi unici che possono essere identificati utilizzando tecniche di sequenziamento“, afferma Carl Davis, PhD, primo autore dell’articolo e borsista post-dottorato nel laboratorio di Ahmed.

Abbiamo potuto vedere che questi nuovi anticorpi si sono espansi nel midollo osseo un mese dopo la vaccinazione e poi si sono contratti dopo un anno. D’altra parte, gli anticorpi contro l’influenza che erano nel midollo osseo prima che il vaccino fosse somministrato sono rimasti a un livello costante superiore a un anno.

Ciò dimostra che solo arrivare al midollo osseo non è sufficiente“, dice Ahmed. “Una plasmacellula deve trovare una nicchia nel midollo osseo e stabilirsi lì, e subire cambiamenti nell’espressione genica e nel metabolismo che promuovono la longevità“.

In questo studio, 53 volontari sani hanno accettato di fornire il midollo osseo prima della vaccinazione contro l’influenza stagionale e poi un mese dopo. E’ emerso che la vaccinazione ha aumentato la percentuale di cellule specifiche dell’influenza (da una media dello 0,8% all’1,9%) dopo un mese, eppure la visita effettuata qualche mese dopo ha rivelato che il numero era sceso al basale.

La ricerca di nuove cellule che secernono anticorpi specifici per il vaccino richiedeva di analizzare il DNA delle cellule ed esaminare gli anticorpi che producono, e quindi monitorare l’abbondanza di quelle cellule sia nel sangue che nel midollo osseo. Per la maggior parte dei lignaggi di plasmacellule di nuova generazione, tra il 70 e il 99 percento delle cellule sono state perse dopo un anno.

Una buona notizia, soprattutto per le persone che partecipano a studi sui vaccini, è che i livelli di cellule che secernono anticorpi nel sangue sono correlati con la risposta a lungo termine nel midollo osseo. Quindi i ricercatori sui vaccini possono continuare a monitorare le risposte immunitarie cercando cellule che secernono anticorpi nel sangue.

Inoltre, ci si può aspettare che “gli additivi del vaccino chiamati coadiuvanti, aumentino l’homing del midollo osseo a lungo termine per le cellule che secernono anticorpi“, secondo Ahmed.

I coadiuvanti promuovono anche la formazione di centri germinali, strutture nei linfonodi dove vengono generate plasmacellule che producono anticorpi ad alta affinità. Queste strutture possono essere importanti per incoraggiare la formazione di plasmacellule di lunga durata. La pubblicazione dei risultati è avvenuta sulla rivista Science.

Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.