Published On: lun, Ott 19th, 2020

Titanic, la missione per il recupero del telegrafo di Marconi apre nuovi dibattiti

La RMS Titanic della White Star Line rappresentava il fiore all’occhiello della International Mercantile Marine Company.
Con un investimento di 120 milioni di dollari da parte del banchiere P. Morgan, infatti, rappresentò l’evento marittimo più importante della storia del Nord Atlantico. Aveva un peso di 46.328 tonnellate, era lunga 269,9 metri, larga 28 metri, alta 53,3 metri, poteva ospitare 2567 passeggeri e raggiungere una velocità di 21 nodi.

La nave “inaffondabile”, com’era stata definita all’epoca, rappresentava un capolavoro dell’architettura navale, costato 7,5 milioni di dollari, che avrebbe dovuto competere con la RMS Lusitania e la RMS Mauretania, transatlantici della compagnia rivale Cunard Line che erano all’epoca le navi più lussuose, veloci e imponenti impegnate sulle rotte transatlantiche. Il progetto, nato da un accordo tra l’imprenditore britannico e amministratore delegato della White Star Joseph Bruce Ismay e Pirrie, impiegò 14.000 uomini per la sua costruzione con turni di 9 ore giornaliere per 6 giorni a settimana.

Il Titanic, nave gemella della RMS Olympic e della HMHS Britannic, aveva tuttavia una grave mancanza: non disponeva di un numero di scialuppe consono a salvare la vita a tutti i passeggeri in caso di ammaraggio. Le norme di sicurezza non erano mai state modificate sin dal 1894 e pur di non ingombrare il passaggio del ponte superiore tra i passeggeri di prima classe, il Titanic navigò con sole 16 scialuppe in grado di ospitare soltanto 1178 passeggeri (a fronte di oltre 2200 presenti a bordo).

Fu il motivo per cui 1517 anime cessarono di vivere nelle gelide acque dell’Oceano Atlantico.

Stando a quanto sostiene la società che possiede i diritti di salvataggio, nessuno ha mai trovato resti umani. Tuttavia, il piano della compagnia di recuperare le iconiche apparecchiature radio ha acceso il dibattito: il naufragio più famoso del mondo potrebbe ancora contenere i resti dei passeggeri e dell’equipaggio morti oltre un secolo fa?

Gli avvocati del governo degli Stati Uniti hanno sollevato la questione in una battaglia giudiziaria in corso per bloccare la spedizione pianificata. Citano archeologi che affermano che i resti potrebbero essere ancora lì. E dicono che la compagnia non prende in considerazione la prospettiva nel suo piano di immersione.

Millecinquecento persone sono morte in quel relitto“, ha detto Paul Johnston, curatore di storia marittima allo Smithsonian’s National Museum of American History. “Non posso assolutamente immaginare che alcuni resti umani non siano sepolti in profondità da qualche parte dove non ci sono correnti.

La società, RMS Titanic Inc., vorrebbe esporre la macchina telegrafica senza fili di Marconi che trasmise il messaggio di soccorso al momento dell’affondamento. Il recupero dell’attrezzatura richiederebbe a un sommergibile senza pilota di scivolare attraverso un lucernario o tagliare un tetto fortemente corroso sul ponte della nave. Una draga aspirante rimuoverebbe il limo sciolto, mentre i bracci del manipolatore taglierebbero i cavi elettrici.

A maggio, un giudice federale di Norfolk, in Virginia, ha approvato la spedizione.

Il giudice distrettuale americano Rebecca Beach Smith ha scritto che il recupero della radio “contribuirà all’eredità lasciata dalla perdita indelebile del Titanic, di coloro che sono sopravvissuti e di coloro che hanno dato la vita“.

Ma il governo degli Stati Uniti ha presentato una denuncia legale a giugno, sostenendo che l’impegno violerebbe la legge federale e un patto con la Gran Bretagna che riconosce il relitto come luogo commemorativo. Il caso è pendente dinanzi alla quarta corte d’appello del circuito di Richmond.

Il Titanic stava viaggiando dall’Inghilterra a New York nel 1912 quando colpì un iceberg e affondò nel Nord Atlantico. Il relitto è stato scoperto nel 1985. Nel corso degli anni, gli esploratori hanno inviato veicoli azionati a distanza in parti della nave. Durante la sua spedizione del 2001, il regista James Cameron ha ispezionato l’area in una tuga che ospita l’attrezzatura telegrafica, secondo i documenti del tribunale depositati dalla società.

Il presidente di RMS Titanic Inc. Bretton Hunchak ha dichiarato all’Associated Press che la posizione del governo è basata sull’emozione, piuttosto che sulla scienza.

Questioni come questa vengono utilizzate semplicemente per aumentare il sostegno pubblico“, ha detto Hunchak. “Crea una reazione viscerale per tutti“.

L’azienda è l’amministratore riconosciuto dal tribunale dei manufatti del Titanic, che supervisiona migliaia di oggetti tra cui argenteria, porcellana e monete d’oro. “Questa compagnia ha sempre trattato il relitto sia come un sito archeologico che come un sito di tomba con riverenza e rispetto“, ha detto Hunchak. “E questo non cambia se in realtà possono esistere resti umani.

Ma è probabile che i resti umani siano scomparsi decenni fa. Le creature marine avrebbero mangiato la carne perché le proteine sono scarse nell’oceano profondo e le ossa si dissolvono a grandi profondità oceaniche a causa della chimica dell’acqua di mare. Il relitto si trova a circa 3,8 chilometri sotto la superficie!!!

Secondo gli archeologi, tuttavia, potrebbero esserci resti umani in aree prive di ossigeno. Del resto otto resti di marinai furono scoperti sull’HL Hunley, un sottomarino confederato che affondò nel 1864. E ossa umane furono trovate in un relitto di un mercantile del I secolo a.C. vicino all’isola greca di Antikythera. L’acqua molto profonda, fredda e povera di ossigeno è un conservante incredibile.

About the Author

- Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it