Published On: mer, Set 29th, 2021

Quanto misura il Monte Bianco nel 2021? E perché cambia la sua altezza

Gli appassionati di montagna o di geografia conoscono l’altezza della vetta più alta d’Europa (occidentale) a menadito. 4.810 metri sul livello del mare. Siamo abituati a pensare che l’altezza di una montagna sia pressoché fissa, ma non è così ad esempio per il Monte Bianco.

Per quale motivo dunque il Monte Bianco ha una altezza variabile? Semplice perché sulla sua vetta c’è un volume di neve e ghiaccio al di sopra della vera è propria vetta rocciosa, che si trova a 4.792 m.s.l.m. Dunque circa una quindicina di metri di spessore di neve e ghiaccio in base quindi alle condizioni di essi.

Da vent’anni a questa parte, ogni due anni, un gruppo di tecnici dell’Alta Savoia salgono sulla vetta in settembre per fare delle misure di precisione (dell’ordine di qualche cm) con sistemi GPS. La misura è stata fatta pochi giorni fa e risulta essere pari a 4.808,81 m.s.l.m.

L’ultima misura, relativa al 2019, era pari a 4.806,03 m.s.l.m., dunque quasi 1,8 m in meno rispetto ad oggi. Il massimo, in questi 20 anni, era stato toccato nel 2007 con una quota di 4.810,90 m.s.l.m. 

Come si diceva la variabilità dello spessore deriva da tanti fattori come il vento, l’insolazione, l’accumulo di neve durante l’anno ecc. Dunque queste misure cambiano molto come si evince da questi dati. 

Il Monte Bianco, che separa la Francia dall’Italia (avevamo approfondito il caso del confine), dunque ha una quota che cambia in base alle condizioni meteo poiché composta, per la parte sommitale,  da neve e ghiaccio. Ad onor del vero anche le altre vette totalmente in roccia hanno variazioni, ma sono variazioni molto piccole e sono dovute agli agenti esterni ambientali e anche ai più grandi movimenti geologici.

Fonti Consultate: Aosta Sera, Le Dauphiné Liberé

About the Author

- Ingegnere Ambientale, laureato presso il Politecnico di Torino, si è specializzato in difesa del suolo. Oggi si occupa di progettazione di impianti ad energia rinnovabile e di sviluppo sostenibile della montagna, con focus sulla mobilità elettrica. Volontario di Protezione Civile, ama la natura, ma anche i social media e la fotografia. Per compensare la formazione scientifica coltiva lo studio della storia e delle scienze politiche. * Contatti: giuseppe.cutano@geomagazine.it * * IG e Clubhouse: @latitude_45