X

Fosfina su Venere, si apre il dibattito: “la presenza di vita è molto difficile”

Il pianeta Venere - Credit: NASA

La scoperta di fosfina nell’atmosfera di Venere ha avuto grande risalto tra i media e tra i siti di divulgazione scientifica. Tuttavia, secondo alcuni scienziati, si è creata una falsa aspettativa;

La fosfina è presente su Venere, che a sua volta è stata vista nella biologia terrestre. Quindi su Venere dev’esserci vita“.
Ciò non è propriamente corretto. Almeno per ora.

Da un lato c’è chi mette in dubbio il rilevamento stesso, dall’altro c’è chi sostiene che le ipotesi naturali che non spiegherebbero processi abiotici non siano sufficienti.
Per carità, anche gli scettici credono che i risultati siano intriganti, ma considerando il mondo infernale qual è Venere, è lecito prendersi più di qualche riflessione. Il dibattito andrà avanti ancora a lungo, probabilmente per anni, ma viste le profonde implicazioni, ne varrà certamente la pena.
Come abbiamo già avuto modo di ribadire, un grande scienziato dal nome Carl Sagan, disse che “affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie“. E così dev’essere.

Ormai lo sappiamo, la fosfina è un gas nocivo per molte creature, compresi gli esseri umani, ma è prodotta da batteri che vivono nelle acque reflue in decomposizione e nelle paludi dove manca l’ossigeno, così come nell’intestino di alcuni animali.
E’ stata scoperta utilizzando il James Clerk Maxwell Telescope alle Hawaii e i telescopi dell’Atacama Large Millimeter / submillimetre Array (ALMA), andando controcorrente a quanto sino ad ora ipotizzato; in effetti l’atmosfera di Venere è colma di anidride carbonica e altre molecole contenenti ossigeno che dovrebbero fare a pezzi la fosfina in pochissimo tempo. Vedere quelle concentrazioni è sconcertante.

Ma il team di ricerca ha davvero visto il gas fosfina?

Le osservazioni contengono una buona quantità di rumore, che potrebbero semplicemente imitare la presenza del gas“, ha suggerito John Carpenter, scienziato presso ALMA in Cile. E non è l’unico a pensarla in questo modo: ad egli si aggiunge Michael Way, fisico presso il Goddard Institute for Space Studies della NASA a New York City.

Sono necessarie più righe per verificare che si tratti di questa particolare molecola“, ha detto Way in una e-mail. “Poiché a questo punto non è chiaro al 100% cosa abbiano misurato.”

In particolare, Way ha sottolineato che esiste una firma associata all’anidride solforosa quasi alla stessa frequenza della luce.
L’anidride solforosa è il terzo gas più abbondante nell’atmosfera di Venere, quindi la sua presenza potrebbe imitare la presenza della fosfina“, ha detto David Catling, un astrobiologo dell’Università di Washington a Seattle.

Per tale motivo lo stesso team che ha realizzato la scoperta ha in mente ora un’ulteriore verifica. Non sarà da solo: si aggiungeranno i ricercatori indipendenti del progetto SOFIA, i ricercatori del Very Large Telescope e la sonda spaziale BepiColombo dell’ESA, che presto sorvolerà Venere.

Ma anche se la fosfina esistesse nel nostro mondo gemello, ci sono molte ragioni per dubitare che esista la vita.

Qui sulla Terra la fosfina è associata agli organismi viventi, ma Venere presenta molti misteri legati ai dettagli complessi.

La fosfina è una molecola molto semplice, grande solo quattro atomi ed è “super facile da produrre in laboratorio” , ha detto Lee Cronin, un chimico dell’Università di Glasgow nel Regno Unito, che ha parlato su Twitter dei risultati. “Devi solo combinare fosforo e una base. L’ho fatto persino per errore.”

Il team che ha effettuato il rilevamento ha cercato di pensare a tutti i fattori che potessero spiegare la sua presenza, rilasciando un documento di 100 pagine su Arxiv il 14 settembre (è bene dire che quel documento non è stato ancora sottoposto a peer review). Ma, con estrema probabilità, ci sono ulteriori possibilità non prese in considerazione.

Cronin ha suggerito che la superficie di Venere, che si pensa sia geologicamente attiva, potrebbe occasionalmente spaccarsi, rivelando riserve sotterranee di fosforo.
Se le nuvole di acido solforico (H2SO4) di Venere dovessero poi produrre pioggia, potrebbero innescare una reazione che andrebbe a formare pennacchi di fosfina che potrebbero spiegare la sua presenza nell’atmosfera. Un numero qualsiasi di altri modi per produrre fosfina potrebbe anche essere plausibile, ha aggiunto.

Inoltre, l’idea di organismi simili alla Terra, anche microbici, che vivono nell’atmosfera infernale e tossica di Venere è difficile per molti scienziati. “Le goccioline delle nuvole sono composte di acido solforico concentrato“, ha detto Catling. “I chimici sanno che se si aggiungono biomolecole all’acido solforico concentrato, si otterrà una reazione vigorosa in cui le biomolecole finiscono per sembrare carbone e più morte di un chiodo per la porta.

Certo, un po’ d’acqua è presente in queste nuvole, ma è sei volte meno disponibile del miele, in cui i microbi terrestri non sono in grado di vivere“, ha aggiunto Catling. Questo è il motivo per cui il miele non ha bisogno di essere conservato in frigorifero, e perché può durare migliaia di anni senza perire. “Insomma, la vita tra le nuvole mortali di Venere è un’ipotesi difficile“, ha aggiunto Catling.

Capire cosa sta succedendo in questo caso probabilmente richiederà un po’ di tempo. “Aspettatevi un sacco di documenti interessanti, molti sbagliati e molti corretti, nei prossimi mesi“, ha detto Way.

L’unica cosa certa è che Venere riceverà molta più attenzione nel prossimo futuro. Da parte sua, Cronin crede che sia possibile che la vita esista nelle nuvole di Venere, ma che è suscettibile di avere una chimica abbastanza diversa dagli organismi terrestri. Una molecola come la fosfina potrebbe essere un “suggerimento biologico”, ha detto, ma avrebbe bisogno di ulteriori informazioni per dimostrare definitivamente se è stata creata o meno dalla vita.

Penso che quello che stanno facendo questi ragazzi sia molto interessante“, dice. “Penso solo che avrebbero dovuto moderarlo in modo ancora più giudizioso“, conclude lo scienziato.

Per approfondire:

Categorie: Astronomia Home
Renato Sansone: Giornalista scientifico, iscritto all'ordine nazionale dal 2013. Si occupa di cronaca scientifica dal 2011. Contatti: renato.sansone@geomagazine.it
Post correlati

This website uses cookies.